Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Wed08212019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Adotta un sentiero, grande successo per l'iniziativa promossa dal Comune di Ragoli.

iron 2 adotta un sentiero Ragoli giudicarie

RAGOLI. Anche nel 2014, l'amministrazione ha riproposto l'iniziativa denominata "Adotta un sentiero", rivolta alle associazioni di volontariato del paese sensibili al recupero e ripristino ambientale. L'invito ha ottenuto l'adesione della Sezione cacciatori, del Circolo pensionati ed anziani e del Circolo culturale e ricreativo "La Scola". Le tre associazioni si sono prese cura di aree in stato di degrado, di sentieri in via di abbandono e di scarpate invadenti le strade di montagna.
In dettaglio, la Sezione cacciatori ha effettuato il taglio e la pulizia delle rampe lungo la strada che porta a Cerana, nel tratto compreso tra Bolzana e il torrente in località Seghe; ha inoltre pulito la zona che circonda la "Calchera" in località Acqua Longa. Il circolo Pensionati ed Anziani ha arredato e curato, per tutta la stagione, le aiuole della zona circostante l'Ufficio postale e il parco giochi nella frazione di Favrio. Il Circolo ricreativo "La Scola", ha continuato il lavoro di pulizia e sistemazione provvisoria del sentiero "Pic", che dalla frazione di Coltura conduce alla parte alta del centro di Ragoli, sentiero che in un prossimo futuro sarà oggetto di consolidamento statico e sistemazione definitiva attraverso uno specifico intervento edilizio; i volontari della "Scola" hanno anche aperto un tratto di sentiero a Iron ed effettuato sistemazioni su sentieri già esistenti.

scorcio di iron  - giudicarie

Attraverso il concorso di queste associazioni, che dura ormai da quattro anni, il territorio comunale ha goduto del recupero e della valorizzazione di luoghi abbandonati o in stato di degrado. Fra questi ricordiamo l'ex cava di marmo nero in località Bafal, il vecchio mulino situato in corrispondenza del tornante sulla strada che conduce a Iron, la zona del bacino artificiale di Ponte Pià nei pressi della confluenza del rio Algone. E ancora del sentiero che porta in località Spiazzoi e di molte piccole aree degne di nota e di conservazione.

L'amministrazione, da parte sua, ha risparmiato in termini di denaro non dovendo ricorrere a manodopera dedicata. Anche per questo, ma non certo per risarcire i volontari in termini di denaro ma piuttosto di riconoscenza, la giunta comunale con apposita delibera ha deciso l'erogazione di 500 euro, una tantum, per ogni associazione. (f.s.)