Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mon12162019

Last update08:01:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Due parti in un mese, uno fuori orario. Fino a quando la farsa del punto nascite a Tione dovrà continuare

punto nascite tione culle Giudicarie -

Due parti in un mese, uno fuori orario. Questi i numeri del punto nascite dell'ospedale di Tione. Dieci anni fa i parti al mese erano quasi 30, due anni fa 20, lo scorso anno 14, ora 2.
Per fortuna non è che in Giudicarie non nascano più bambini... ne nascono pochi, ma ne nascono ancora. Le famiglie hanno scelto di andare a partorire altrove. Una scelta frutto del totale disinteresse della politica verso le realtà periferiche. L'ex assesore alla Sanità Borgonovo Re era stata chiara: i punti nascita periferici vanno chiusi. Faremo un percorso di accompagnamento delle mamme in gravidanza fornendo un'assistenza particolare... Per questo (e forse altro) era stata rimossa dal suo incarico.

Al suo posto Luca Zeni che insieme alla Giunta ha sempre ribadito: Manterremo i reparti nascita degli ospedali periferici, che verranno potenziati.

Ma quando uno delle figure di vertice dell'azienda sanitaria trentina dice che il reparto nascite a Tione non è sicuro... che i medici che si fermano a lavorare lì sono di serie B, e via discorrendo è chiaro che la morte del reparto era già stata sancita.

Resta da vedere ora per quanto andrà avanti questa farsa. Il reparto di fatto non funziona più, ma per assurdo continuiamo a pagare seppur part time, un reparto fantasma.

Ma ora i nostri politici potranno dire che sono le mamme che non vogliono partorire a Tione, non loro a voler chiudere il reparto nascite. Ipocrisia allo stato puro.