Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Fri12062019

Last update08:01:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

È scomparso il prof. Lino Salvaterra: un personaggio. Fu insegnante e persona impegnata nel sociale

professor lino salvaterra - TioneSi è spento, alla Casa di Riposo di Spiazzo, il prof. Lino Salvaterra: un tionese doc, ma che ha lasciato il segno in tutte le Giudicarie. Classe 1922, nasce con gravi con problemi alla vista, per cui ha dovuto portarsi, fin dalla fanciullezza, a Milano dove ha frequentato gli istituti specializzati per i soggetti con difficoltà alla vista, e così poté tornare in paese diplomato in musica, potendosi dedicarsi all'insegnamento presso la Scuola Media di Tione, dove seppe, per parecchi decenni, far sentire la sua basilare preparazione musicale e l'autorevolezza della sua forte personalità.

Nel secondo dopoguerra si assunse compiti direttivi locali e comprensoriali nell'ambito della Democrazia Cristiana, tenacemente fedele ai suoi principi e capace di portarne avanti gli ideali e le conseguenti ricadute nel campo sociale, sia a Tione che nelle Giudicarie con le comprensibili risonanze in quel di Trento. Oggi, di quelle vere e proprie "battaglie", portate avanti dal Salvaterra con coraggio e tenacia, tutto sembra essere dimenticato, anche perché, una volta in pensione, e caduta l'aperta contrapposizione dei partiti storici dei primi decenni del secondo dopoguerra, egli si è chiuso nel silenzio della propria casa in piazza Boni a Brévine, e non ha voluto più avere contatti con il mondo politico-amministrativo.
A suo merito vi è la sua costante passione per la musica, avendo al suo attivo la fondazione, con alcuni amici, del "Coro Brenta" di Tione nel secondo dopoguerra e l'istituzione della Scuola Musicale Giudicarie con sede in Tione, e come promotore ed organizzatore di una infinita serie di concerti d'organo nell'arcipretale di Tione. Naturalmente tutto ciò da aggiungere alla lunga serie di insegnamento scolastico musicale a corredo culturale di una lunga serie di generazioni di giudicariesi. Resta incisiva e notevole, inoltre, la sua attiva partecipazione alla vita della cooperazione di credito nel direttivo della Cassa Rurale di Tione.
Personaggio forte ed indomito, deciso e, forse, per molti persino quasi apparentemente scorbutico, fu invece tenace e vivace battagliero nel sostenere i propri punti di vista e le sue convinzioni, per cui ha saputo incidere - nonostante le evidenti difficoltà di vista - sulla vita tionese, oserei dire, quasi in maniera determinante, specie nei decenni del prevalere della Democrazia Cristiana nelle Giudicarie. Rincresce che negli ultimi decenni si sia chiuso in se stesso e non abbia contribuito a renderci partecipi della sua esperienza, soprattutto nel sociale e nel campo scolastico e musicale. Pur essendo di vastissima cultura, e non solo musicale - come lo testimoniano le sue indimenticate ed interessanti conferenze – non ci ha voluto lasciare tanta parte della sua ricchezza interiore e delle sue costanti e continue riflessioni e considerazioni sulla vita del singolo e sulle istanze della comunità.
Facilmente per le nuovissime generazioni il suo nome non sarà nemmeno conosciuto, ma per le generazioni che hanno avuto la ventura di vivere il suo stesso tempo, Lino Salvaterra rimane un punto chiaro di riferimento anche per conoscere e capire tanto il passato di Tione e delle Giudicarie.

Mario Musón