Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Fri08232019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Merlo e micio... chi l'ha detto che non si può? Troppa opulenza, o mirabile esempio di solidarietà tra animali?

merlo e micio - Tione 1"Ehi, pigrona sbrigati. E lascia qualcosa anche per me!" Par di sentirli. La scena si ripete immancabilmente ogni mattina, nel giardino di una delle ultime case di Tione, alla periferia sud del paese. Lei, la gatta randagia (una delle poche superstiti del gattile di Stele) tutti i giorni arriva sotto casa per mangiare le crocchette dalla ciottola che i padroni di casa le fanno trovare. L'altra, un bell'esemplare di merlo femmina, attende impaziente il suo turno per sfamarsi con quel che rimane. Il rituale è sempre lo stesso. Quando arriva la micia, la merla aspetta pazientemente a mezzo metro di distanza. Poi, mano a mano che vede la ciottola svuotarsi, diventa sempre più smaniosa e s'avvicina alla micia con fare ardito. Quasi a dire: "Dai, basta. Adesso tocca a me!" Sembrerà strano. Ma, ogni mattina, la gatta – probabilmente memore della fame patita - lascia sempre una razione di cibo per la merla. Che, incurante della presenza del felino, fa una scorpacciata di quanto rimane. Troppa opulenza, o mirabile esempio di solidarietà tra animali? Un tempo, ne siamo certi, non sarebbe finita così! (e.z.)

merlo e micio - Tione 2 

merlo e micio - Tione 3 

merlo e micio - Tione 4