Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Sun12152019

Last update08:01:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Africa-Andata e Ritorno, a San Lorenzo in Banale spettacolo teatrale promosso dall'Associazione Africa Rafiki

Africa-Andata e Ritorno, a San Lorenzo in Banale spettacolo teatrale promosso dall'Associazione Africa Rafiki 

Il teatro di San Lorenzo in Banale, riaperti i battenti per la stagione teatrale, rinnova la sua offerta di spettacoli, alternando i più svariati generi di rappresentazioni. Oltre alle più classiche commedie in dialetto trentino, divise in atti e dirette quasi sempre da registi locali (ed interpretati magistralmente da filodrammatiche autoctone), vengono portati sul palco reportages atti a documentare l'attività di svariate associazioni oppure le finalità un progetto giunto alla sua conclusione e meritevole. Inserendosi nel solco di queste ultime tipologie di show, si intitola "Africa-Andata e Ritorno" il docu-spettacolo che l'associazione Africa Rafiki mette in scena sabato 4 febbraio, ad ore 20.45. L'ente no-profit, nato a Tione nell'autunno 2000, ha come scopo la promozione culturale, sociale, sanitaria ed economica delle baraccopoli di Nairobi e città limitrofe. Tale organizzazione ha avuto come guida Padre Franco Cellana, missionario della Consolata di origine ledrense scomparso nel 2015. Un'iniziativa di un indubbio spessore morale che vale la pena recarsi a seguire, nella pittoresca cornice del teatro sanlorenzino, ricavato dall'antica chiesa parrocchiale e adibito a mulino in tempi più recenti. La kermesse sarà incentrata sull'attuale situazione del Kenya, visto con gli occhi dei viaggiatori che vi si sono recati. "Cosa sappiamo del Kenya?" è l'incipit della locandina. Gli organizzatori proveranno a estinguere questa sete di curiosità portando alla luce storie di uomini, donne e bambini che hanno dei nomi e dei vissuti. "Un mosaico-proseguono-di racconti e amicizie, solidarietà e legami che Africa Rafiki ha conquistato negli anni in cui si è spesa per chi ha bisogno." Un'iniziativa senz'altro nobile, che verrà resa pubblica anche grazie all'ausilio di foto e materiale multimediale raccolto in loco.
Per informazioni l'associazione si può contattare alla mail This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. .