Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Fri12062019

Last update08:01:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Una nuova galleria a Ponte Pià, subito. Quella vecchia sarà utilizzata come pista ciclabile. L'intervento si inserisce nel piano di viabilità delle Giudicarie approvato dalla Conferenza dei sindaci

gallerie ponte Pià troppo spesso teatro di incidenti stradali 

Una nuova galleria a Ponte Pià. È quanto emerge dal piano di viabilità presentato ieri alla Conferenza dei Sindaci dalla Comunità delle Giudicarie. Un intervento auspicato da anni che si inserisce in un quadro generale che vuole evidenziare le priorità per migliorare la viabilità delle Giudicarie. «Un piano - conferma il Presidente della Comunità delle Giudicarie Giorgio Butterini - che prevede di individuare gli interventi necessari per un miglioramento della viabilità giudicariese». 

«Oltre alla galleria di Ponte Pià, per la quale abbiamo già un progetto esecutivo che richiede una spesa di circa 15 milioni di euro, abbiamo inserito tra le priorità da risolvere la strettoia di Javrè, quella di Breguzzo, le curve pericolose tra Bondo e Roncone, troppo spesso teatro di incidenti gravissimi, il Ponte di Pimont nel tratto di strada tra Carisolo e S. Antonio di Mavignola, l'attraversamernto di Ponte Arche (ipotizzando un senso unico utilizzando per un senso di marcia il Ponte dei Servi), ed altri piccoli ma determinanti interventi». Interventi inderogabili da risolvere nel giro di pochi anni con «un investimento di circa 30-40 milioni di euro». Soldi che in parte si riuscirebbero a ricavare da una revisione del progetto delle piste ciclabili, in parte dai sovracanoni ambientali dei Bim e in parte dalla Provincia. «La viabilità è una competenza della Pat. Ma dobbiamo essere pragmatici. Ci sono pochi soldi. Per questi interventi siamo pronti a contribuire alla spesa con le nostre risorse, basta che la Pat ci dia una mano. Alla Pat lasciamo le grandi opere come la circonvallazione di Pinzolo, quella di Ponte Arche... » precisa Butterini che aggiunge: «Abbiamo fatto una revisione attenta del piano delle piste ciclabili presentato dalla scorsa amministrazione. All'importante lavoro svolto dalla Giunta Ballardini abbiamo cercato di apportare quelle modifiche che ci potevano permettere di correggere qualche piccolo problema, di ottimizzare qualche tracciato e di risparmiare laddove possibile» «Così abbiamo pensato di accantonare il progetto della pista ciclabile a Ponte Pià come era stato previsto in precedenza. In questo modo risparmiamo circa 5 milioni di euro che possiamo utilizzare per la realizzazione della nuova galleria per la viabilità ordinaria e utilizzare la vecchia galleria esistente come pista ciclabile». Una scelta quest'ultima caldeggiata ancora lo scorso anno dal Sindaco di Ragoli Matteo Leonardi ma che non aveva trovato il consenso dell'allora Giunta. 

Un piano di Viabilità che ha trovato il consenso unanime dei Sindaci come sottolineato dall'Assessore della comunità delle Giudicarie Roberto Failoni: «Abbiamo cercato di coinvolgere tutte le amministrazioni e nel giro di tre mesi siamo riusciti a trovare un accordo con tutti i sindaci: siamo riusciti a rivedere il progetto delle piste ciclabili e allo stesso tempo siamo in grado di presentare una proposta concreta e unitaria alla Pat per migliorare la nostra viabilità. Crediamo sia un passo importante non solo perchè si vanno a risolvere delle criticità evidenti ma anche perchè a breve si inizieranno ad assegnare i molti incarichi di progettazione. Un'iniezione di fiducia per gli studi tecnici e per le imprese che possono sperare a breve di avere dei nuovi lavori».