Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mon06182018

Last update10:03:05 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Nell'Anno europeo del patrimonio culturale le palafitte di Fiavé e Ledro alla fiera Monumento di Salisburgo

Palafitte-di-Fiave 2 imagefullwide
Le palafitte di Fiavé e Ledro, Patrimonio dell'Umanità Unesco, inaugurano il 2018, proclamato dall'Unione europea Anno europeo del patrimonio culturale, partecipando alla fiera "Monumento" in programma a Salisburgo dall'11 al 13 gennaio. Gli organizzatori dell'evento hanno messo a disposizione della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento e del MUSE uno stand per presentare un'eccellenza di rilievo internazionale del patrimonio archeologico e culturale del Trentino, rappresentato dalle palafitte e dai rispettivi musei. Il Museo delle Palafitte di Fiavé e il Museo delle Palafitte del Lago di Ledro saranno infatti evocati nell'allestimento, curato dal Servizio per il Sostegno occupazionale e Valorizzazione ambientale, che riprende il tema della "selva di pali" apparsa agli archeologi che hanno effettuato le prime ricerche sui siti palafitticoli. L'appuntamento sarà anche l'occasione per presentare il nuovo Parco archeologico delle palafitte di Fiavé in fase di realizzazione, la cui apertura è prevista per la prossima estate.

"Condividere il patrimonio" è il tema dell'edizione di quest'anno di Monumento, fiera interamente dedicata al patrimonio e ai beni culturali che si tiene con cadenza biennale. All'evento, che sarà inaugurato dal governatore del Land di Salisburgo, Wilfried Haslauer, prenderanno parte circa 150 espositori fra i quali enti pubblici, istituzioni culturali e aziende specializzate nel campo del restauro e della conservazione dei beni archeologici, architettonici, storici e archivistici. In programma anche una ricca proposta di conferenze, incontri, seminari e laboratori rivolti sia agli addetti ai lavori sia al pubblico più vasto che potrà così gettare uno sguardo "dietro le quinte" sul mondo dei beni culturali, del restauro e dell'artigianato tradizionale. In linea con gli obiettivi dell'Anno europeo del patrimonio culturale, "Monumento" si prefigge di sensibilizzare all'importanza della storia e alla consapevolezza della ricchezza culturale che abbiamo ereditato dal passato e che siamo tenuti a tutelare, conservare e valorizzare. L'evento intende sottolineare la valenza del patrimonio culturale quale fattore di sviluppo sociale ed economico in stretta connessione con altri ambiti quali la ricerca, l'istruzione, la formazione, l'economia legata alla cultura e alla creatività, il turismo, la sostenibilità e la tutela dell'ambiente. Si tratta dunque di un'occasione di rilievo per presentare a livello internazionale l'offerta culturale e museale del Trentino rappresentata dalle palafitte di Fiavé e Ledro. Il riconoscimento ufficiale della validità e dell'importanza di questi due siti trentini è giunto con l'inclusione nel 2011 nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO dei "siti palafitticoli preistorici dell'arco alpino" assieme ad altri 109 siti.


Le palafitte di Fiavé

Noto già nella II metà del XIX secolo a causa dell'estrazione della torba, il sito palafitticolo dell'ex lago Carera di Fiavé è stato oggetto di scavi sistematici condotti da Renato Perini dal 1969 al 1976 e di ricerche paleoambientali nel corso degli anni '80 e '90. Dell'insediamento stabile più antico (Fiavé 1- I metà del IV millennio a.C.) rimangono tracce di abitazioni all'asciutto e una bonifica spondale costituita da tronchi di larice e pino nonché da colmature eseguite con frasche e pietrame. Forse un altro abitato sorse nella stessa zona (detta "isoletta") all'inizio dell'età del Bronzo (Fiavé 2, XXII-XIX sec.a.C.), ma è alla fase immediatamente successiva che risalgono le testimonianze di un vero e proprio abitato palafitticolo.

A poche decine di metri di distanza dall'isoletta fu infatti individuata una fitta selva di pali, ossia ciò che rimaneva di capanne edificate sull'acqua. Gli oltre 800 pali, prevalentemente di abete rosso, lunghi fino a nove-dieci metri e piantati per metà nel limo di fondo, furono messi in opera in diversi momenti, tra la fine dell'antica e la media età del Bronzo (Fiavé 3, 4, 5 - XVIII-XV sec.a.C.). Oltre all'agricoltura e all'allevamento prevalentemente di capri-ovini, erano praticate diverse forme di artigianato: ceramica, metallurgia, lavorazione dell'osso e del corno. In un abitato di epoca immediatamente successiva (Fiavé 6 - Bronzo medio avanzato - XV- XIV sec.a.C.) sorto al di sopra del villaggio Fiavé 1, fu introdotta una sorprendente innovazione strutturale. Una maglia ortogonale di tronchi e travi adagiati sul fondo lacustre servì a vincolare e a rendere più stabili i pali verticali che sorreggevano i pavimenti delle capanne. Ornamenti in bronzo, oro e in ambra documentano contatti dal Garda meridionale all'Europa transalpina. Di particolare valore scientifico sono gli oltre 300 oggetti in legno, perfettamente conservati dalla torbiera, e datati tra l'antica e la media età del Bronzo. Con l'età del Bronzo recente (XIII sec.a.C.) l'abitato venne trasferito su un rilievo morenico al margine meridionale del bacino, il Dos Gustinaci, concludendo il ciclo abitativo palafitticolo. Altri rinvenimenti indicano che l'area fu frequentata, per motivi rituali o funerari, anche nel corso del I millennio a.C. (età del Ferro).

Nel 2012 è stato aperto il Museo delle Palafitte di Fiavé che racconta le vicende dei diversi abitati succedutisi lungo le sponde del lago Carera, bacino di origine glaciale, tra tardo Neolitico ed età del Bronzo. Di particolare rilievo l'eccezionale collezione di circa 300 oggetti in legno, unica in Europa per l'ottimo stato di conservazione.

Le palafitte di Ledro

L'abitato palafitticolo di Molina di Ledro si affaccia sull'omonimo lago, in prossimità dell'emissario. In seguito al forte abbassamento delle acque dovuto alla costruzione della Centrale idroelettrica del Ponale, nel 1929 Ettore Ghislanzoni eseguì le prime indagini su un'area di cinquecento metri quadrati formulando l'ipotesi che si trattasse dei resti di una palafitta a terra o "bonifica".

Successivamente, l'ulteriore forte abbassamento del livello lacustre che si verificò nell'inverno 1936-37 permise a Raffaello Battaglia di ampliare la superficie di scavo a quattromiladuecento metri quadrati, portando alla luce oltre diecimila pali. Fu individuato un tratto di tavolato di trentasei metri quadrati che Battaglia interpretò - diversamente da Ghislanzoni - come parte della struttura che avrebbe dovuto sorreggere una capanna sull'acqua. Altre ricerche sono state condotte tra il 1957 e il 1967 e tra il 1980 e il 1983.

Gli studi fino ad oggi condotti sui materiali di Ledro permettono di inquadrare la vita del sito tra l'antica e la media età del Bronzo (circa XXII - XIV sec.a.C.), anche se alcuni indizi fanno ipotizzare fasi di occupazione più antiche. I materiali ceramici, sono attribuibili a sviluppi locali delle facies di Polada (antica età del Bronzo) e gardesane meridionali (media età del Bronzo). L'artigianato metallurgico è indiziato da crogioli, ugelli e forme di fusione e rivela nei prodotti di raffinata fattura (asce, spilloni, ornamenti) forti connessioni con il bacino medio - danubiano. Di particolare rilievo sono i cosiddetti "diademi" in bronzo, con confronti nella necropoli di Pitten (Bassa Austria), come anche i vaghi d'ambra di provenienza baltica o ancora le Tavolette enigmatiche, che inseriscono Ledro in una rete di commerci che in tempi preistorici univa i versanti dell'arco alpino da Nord a Sud, da Est a Ovest.

Il locale Museo delle Palafitte del Lago di Ledro conserva ed espone un'importante selezione di reperti che fanno luce sulle numerose e complesse attività di produzione e di scambio, che quotidianamente facevano vivere il villaggio di agricoltori - pastori e il territorio circostante. Altri materiali sono visibili al Museo di Riva del Garda e al Museo del Castello del Buonconsiglio a Trento. Altre collezioni sono disperse in diverse sedi universitarie italiane.

Da oltre 20 anni il Museo delle Palafitte del Lago di Ledro svolge un'intensa attività educativa e, di concerto con la locale Amministrazione Pubblica, con la Scuola e con il Consorzio per il Turismo della Valle di Ledro, organizza iniziative rilevanti finalizzate alla valorizzazione del sito e del territorio ledrense e ha colto, nel 2017, il considerevole traguardo di 41.000 presenze.