Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Sat07202019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Notizie dal Trentino

Campeggi, un milione e 400 mila presenze nel 2011

camping val rendena

La Giunta provinciale ha approvato il disegno di legge di riforma della disciplina provinciale in materia di campeggi. "Dopo più di vent'anni - spiega l'assessore Tiziano Mellarini - l'attuale legge che regolamenta la ricettività all'aria aperta doveva essere aggiornata e ammodernata. Sull'esempio di quel che è già successo per il settore alberghiero, è nostra intenzione puntare su un aumento della qualità delle strutture ricettive, visto che oggi ben 57 campeggi su 69 sono a una o due stelle. Quello della ricettività all'aria aperta è un settore che in questi ultimi anni sta dando notevoli soddisfazioni: nel 2011 gli ospiti delle nostre strutture sono stati complessivamente più di un milione e 400mila, di cui quasi 940mila provenienti da Paesi stranieri, con un aumento proporzionale a due cifre rispetto al 2010 che ci conforta. Dobbiamo però stimolare l'ammodernamento, semplificare le procedure burocratiche, redistribuire i ruoli e le funzioni di regia e di controllo operativo su diversi livelli di soggetti pubblici, coinvolgere infine le categorie nella ricerca di una qualità delle strutture e dei servizi, con un occhio alla compatibilità ambientale".

Il nuovo disegno di legge introduce fra le altre cose una nuova tipologia di campeggio, accanto a quella "tradizionale": si tratta del "campeggio villaggio", che offre obbligatoriamente la ristorazione, attività commerciali e servizi accessori (sportivi, benessere e così via).

Enfasi inoltre sulla qualità delle strutture, in particolare, per i campeggi di nuova istituzione, per i quali sono previsti requisiti qualitativi più stringenti. Il disegno di legge provvede infine a semplificare e ridurre gli oneri a carico delle imprese.

Ecco in sintesi i punti chiave del disegno di legge.

RICETTIVITA' ALL'ARIA APERTA

CAMPEGGI: fotografia dell'esistente

In Trentino ci sono 69 campeggi:

- di cui 56 campeggi e 13 campeggi parco per vacanze (campeggi caratterizzati da un'alta percentuale di "preingressi" e situati ad un'altitudine superiore a 500 metri s.l.m.);

- di cui 40 sopra i 500 m. (20 con preingressi) e 29 sotto i 500 m.

- di cui 40 aperti solo l'estate.

Livello di classifica:

campeggi a 4 stelle: n. 4

campeggi a 3 stelle: n. 8

campeggi a 2 stelle: n. 35

campeggi a 1 stella: n. 22

Localizzazione:

- Valsugana: 18

- Garda Trentino: 14

- Val di Fassa: 5

- Valle di Ledro: 4

- Folgaria, Lavarone e Luserna: 3

- Altopiano di Pinè e Valle di Cembra: 3

- Rovereto Vallagarina: 3

- Madonna di Campiglio, Pinzolo e Val Rendena: 3

- S. Martino di Castrozza, Primiero e Vanoi: 3

- Valle di Fiemme: 3

- Valli di Sole, Peio e Rabbi: 3

- altre zone: 7 campeggi

CAMPEGGI IN TRENTINO:

- strutture di piccole-medie dimensioni con modesta propensione all'investimento (mediamente 20 richieste di visto di corrispondenza presentate ogni anno al Servizio Turismo, parte delle quali riguardano anche manutenzioni di carattere ordinario o la riorganizzazione di piazzole);

- alcune eccellenze con riconoscimenti internazionali;

- buone performance negli ultimi anni (crescita degli arrivi e delle presenze, soprattutto internazionali)

PRINCIPALI SCELTE DEL DISEGNO DI LEGGE

1) DUE TIPOLOGIE DI CAMPEGGIO:

· campeggio

· campeggio villaggio

Il "campeggio parco per vacanze" (quello che può avere fino all'80% della ricettività in piazzole "allestite" o in bungalow) rimane come tipologia residuale per le strutture esistenti.

2) CAMPEGGIO VILLAGGIO

Nuova tipologia (con unità abitative e case mobili, min 15% max 40%) che offre obbligatoriamente la ristorazione, attività commerciali e servizi accessori (sportivi, benessere, ecc.)

3) REQUISITI PIU' QUALITATIVI PER LE NUOVE STRUTTURE; GARANZIE PER I CAMPEGGI ESISTENTI

Viene "alzata l'asticella" per i campeggi nuovi:

- devono essere strutture di qualità, mantenendo almeno il 60% delle piazzole disponibili per tende e mezzi mobili di soggiorno;

- le case mobili devono corrispondere a tipologie che si inseriscono armonicamente nel paesaggio;

- i preingressi (max 30% e vietati in fascia lago e nei centri abitati), possono essere realizzati anche sotto i 500 metri di quota, ma devono essere adeguati al regolamento.

Per i campeggi esistenti:

- possono rimanere come sono ma devono adeguare i preingressi al regolamento entro 3 anni.

Per i campeggi parco per vacanze:

- possono rimanere come sono ma devono adeguare i preingressi al regolamento entro 3 anni, salvo quelli che hanno più del 70% di preingressi (max di legge è 80%) che devono scendere al 70% entro 5 anni.

4) POSSIBILITA' DI REALIZZARE UNITA' ABITATIVE NEI CAMPEGGI (bungalow, appartamenti, camere, suite se previsto nei PRG, con le volumetrie previste dagli stessi - e comunque max 40 mq per appartamento, 50 mq nei 3, 4, 5 stelle)

5) AREE SOSTA CAMPER

previste nei piani regolatori; realizzate dai comuni o dai privati

6) CLASSIFICAZIONE E QUALITA'

· introduzione delle 5 stelle (ci sono già dei campeggi interessati)

· sistema di "autoclassifica" immediatamente efficace alla consegna della s.c.i.a. alla comunità (spetta alla Provincia verificare ed eventualmente rideterminare il livello); è una grande semplificazione;

· Commissione qualità come per gli alberghi, ma anche con funzioni di "consulenza" per passare alle 5 stelle

7) ASPETTI AMMINISTRATIVI: LIVELLI ISTITUZIONALI

Alla Provincia:

· vigilanza e controllo (in generale)

· visto di corrispondenza (necessario per ottenere il titolo edilizio)

· verifiche sulla classifica e relative modifiche d'ufficio

· delibera di criteri per l'insediamento delle case mobili

Alle Comunità:

· esercizio dell'attività (basta una segnalazione certificata di inizio attività – s.c.i.a.)

· classifica (formalmente; in realtà è la PAT che controlla)

· verifiche sulle case mobili

Ai Comuni:

· previsione urbanistica e relativa normativa per le strutture edilize permanenti (PRG)

· titoli edilizi

8) SEMPLIFICAZIONI

Con il disegno di legge di cui all'oggetto si provvede anche a semplificare e ridurre gli oneri a carico delle imprese, con le seguenti novità:

1) Semplificazione del procedimento di classificazione delle strutture ricettive all'aria aperta: è stata introdotta la dichiarazione di autoclassifica ad efficacia immediata.

2) Esercizio dell'attività: la presentazione della segnalazione certificata di inizio attività consentirà anche la somministrazione di alimenti e bevande, la vendita al dettaglio di prodotti alimentari e non alimentari nonché la fornitura di altri servizi destinati agli ospiti della struttura ricettiva (fermo restando ovviamente il rispetto della normativa di settore in materia). Con un unico atto il titolare o il gestore della struttura potrà svolgere all'interno della medesima anche le citate attività, senza dover presentare ulteriori domande.

3) Commissione qualità: si prevede che il titolare o gestore della struttura possa avvalersi della consulenza della commissione qualità per l'assegnazione del livello di classifica a 5 stelle.

4) Possibilità di valorizzare le pertinenze del campeggio per l'offerta di servizi accessori (utilizzando un'unica autorizzazione amministrativa)