Notizie dal Trentino

I dati del movimento turistico in Trentino 2011: gli arrivi aumentano di oltre il 3%, i turisti italiani al 78% delle presenze totali

campiglio turismo

Nel 2011 in Trentino si sono stati registrati circa 11,4 milioni di presenze negli esercizi alberghieri, 3,9 milioni negli esercizi complementari e 5,2 milioni negli alloggi privati e 9,3 nelle seconde case. Ottimi anche gli arrivi, pari a circa 2,6 milioni di turisti negli esercizi alberghieri e a 5 milioni nel complesso delle strutture ricettive, con un aumento percentuale, rispetto al 2010, di oltre il 3%. Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati relativi agli arrivi e alle presenze turistiche registrate nel corso dell'anno 2011: si tratta dei primi risultati sintetici, che consentono comunque importanti valutazioni sulla dinamica dei movimenti turistici sia nel settore alberghiero, che nel complesso delle strutture ricettive.

Nel corso del 2011 in Trentino sono stati registrati circa 11,4 milioni di presenze negli esercizi alberghieri e 3,9 milioni negli esercizi complementari. Per entrambe le tipologie ricettive si tratta di risultati estremamente positivi e, nel caso degli esercizi complementari, superiori a quelli raggiunti negli anni passati. Completano il quadro i circa 5,2 milioni di presenze registrati negli alloggi privati e i 9,3 milioni di presenze nelle seconde case. Il complesso delle strutture ricettive trentine, pertanto, ha visto nel corso del 2011 29,8 milioni di pernottamenti, un livello analogo a quello raggiunto l'anno precedente, che consolida le ottime performance rilevate nel corso degli ultimi anni.

A questi eccellenti risultati in termini di presenze corrispondono, nel corso del 2011, valori altrettanto significativi dal lato degli arrivi, pari a circa 2,6 milioni di turisti negli esercizi alberghieri (3,1% in più rispetto al 2010) e a circa 5 milioni di turisti nel complesso delle strutture ricettive, ovvero il 3% in più rispetto al 2010.

Il contributo più significativo al raggiungimento di questo risultato è arrivato dai turisti italiani: nel corso del 2011 essi hanno fatto registrare 7,4 milioni di pernottamenti negli esercizi alberghieri e circa 2 milioni di pernottamenti negli esercizi complementari. Nel complesso delle strutture ricettive le presenze di turisti italiani hanno raggiunto nel 2011 i 23 milioni e rappresentano il 78% delle presenze totali. In termini di variazioni, tuttavia, mentre le presenze dei turisti italiani risultano nel 2011 in leggera flessione nel complesso delle strutture ricettive rispetto all'anno precedente (-0,9%), le presenze straniere risultano in crescita in tutti i comparti, facendo segnare un incremento del 3,5% nel complesso delle strutture ricettive.

A fronte di un incremento sostenuto degli arrivi e di una sostanziale stabilità del numero dei pernottamenti, nel 2011 si assiste ad una leggera flessione, comune peraltro a molti paesi europei, della permanenza media dei turisti nelle strutture ricettive trentine: 4,4 giorni è lunga mediamente una vacanza negli esercizi alberghieri, 5,4 giorni negli esercizi complementari e circa 9 giorni negli alloggi privati e nelle seconde case.

Analizzando i dati dal punto di vista territoriale, gli ambiti che nel corso del 2011 hanno fatto segnare i valori di presenze alberghiere più elevati sono quelli della Valle di Fassa, del Garda trentino e delle Valli di Sole, Peio e Rabbi. Nel complesso delle strutture ricettive, gli ambiti con il maggior numero di presenze nel 2011 sono risultati quelli della Valle di Fassa, delle Valli di Sole, Peio e Rabbi e di Madonna di Campiglio - Pinzolo – Val Rendena.