Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Sat10242020

Last update12:45:14 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Il Blog di Marco Zulberti

E' ufficiale: la borsa torna alle grida

cattelan-dito-medioE' ufficiale. Tra gli ultimi provvedimenti presi dal governo Monti nel decreto di emergenza economica v'è la riapertura di Piazza Affari con il ritorno delle trattazioni alle grida di azioni, titoli di stato e materie prime. Nelle settimana di Natale dopo un rapido brindisi di prosecco trevisano e una piccola fetta di panettone senza canditi, saranno suonati i campanelli dei vecchi procuratori ormai in pensione, che dal 2 gennaio 2013, dovranno tornare a rianimare le grida di Piazza Affari, spegnendo per sempre i silenziosi brusii delle ventole dei server che dialogavano con quelli di Paternoster Square a Londra e i desk operativi della City, tanto difesa da David Cameron. Dopo lo strappo con Nicolas Sarkozy e il blocco navale e delle telecomunicazioni decretato dal parlamento di Bruxelles tra l'Europa e la Gran Bretagna, si uscirà per sempre dalla morsa delle diavolerie tecnologiche dei trader londinesi, dei CDS, dei leverage, degli hedgefunds, dei futures, delle option, dei covered warrant, degli high frequency trading.

Le banche torneranno ad assumere ragionieri e laureati in economia, mentre gli ingegneri e i tecnici torneranno a progettare presse idrauliche, pale eoliche e centrali idroelettriche. Il 31 dicembre simbolicamente sarà abbattuto il "Dito" di Catelan e rispedito al mittente che ora intende collocarlo a Zuccotti Park.

I ristoranti del centro di Milano torneranno ad animarsi, la piazza Cordusio e della Scala pulluleranno degli agenti di cambio con il cappello all'italiana Borsalino tra procacciatori d'affari, imprenditori in cerca di capitali e avventurieri di ogni sorta. I night club del centro rispolvereranno i loro lampadari a cristalli per illuminare le cosce delle contadine bergamasche e triestine. Speranze e desideri impossibili torneranno ad alimentare le contrattazioni tra sussurri e scalate sostituendo i quants analyst, le previsioni outlook sull'anno 2013 degli strategist e degli uffici di equity research.

File di taxisti strombazzanti torneranno a fare la spola con gli aeroporti di Linate e Malpensa mentre i giornalisti morbosi torneranno a scrivere libri non più contro i sistemi tecnologici di cui non comprendevano nulla, ma sulle oscurità delle ricche commissioni che i procuratori s'intascano. La perfida Albione tornerà a veleggiare nei mari orientali sgonfiando i prezzi degli uffici commerciali e degli affitti.

Ma almeno si tornerà ad un mondo economicamente normale dove ognuno tornerà a fare il suo mestiere.