Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Fri08232019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

Se ne è andato Italo Maffei. Il ricordo di Rody Mirri

Sergio e Italo 

IL MIO AMICO ITALO MAFFEI DEI LUSTRI

Ciao Italo..non sorridere, probabilmente diresti "Chi munada set dre a far".

Ci conosciamo da sempre , avevo dieci anni quando, con la tua seicento bianca, mi portavi al campo sportivo pineta e mi consegnavi una rosa. Dovevo attraversare il Sarca per darla alla signorina che stava al banco bar dell'Hotel che s'affacciava sul fiume. Quella signorina sarebbe poi diventata tua moglie. Le mie prime lezioni di sci le ho prese da te. Poi la nostra frequentazione si è consolidata nel tempo, anzi, nel tempo si è rafforzata trasformandosi in una vera e sincera amicizia. Pur vivendo lontani, nessuno sa che ogni settimana, quasi sempre il lunedì, mi fai uno squillo aggiornandomi sulle novità del paese. Esattamente come due giorni fa. "Dobbiamo parlare con l'amico Roberto Failoni, "poi ti spiego.." mi hai detto. Ci siamo dati un appuntamento a Pinzolo per venerdì prossimo.

Ieri pomeriggio una telefonata mi ha gelato il sangue annunciando la tua improvvisa scomparsa.

Riavvolgo come una pellicola tutto quello che insieme abbiamo fatto, comprese le nostre irrinunciabili bevute. Mi mancheranno le nostre interminabili discussioni, il nostro chiacchierare insieme riannodando i fili dei ricordi comuni e sorridendo in maniera beffarda del mondo intorno a noi. Incontri i nostri che finivano quasi sempre bevendo l'ultimo "Teroldego" nell'unico bar che trovavamo aperto la sera tarda in paese. In trent'anni, mai una volta sono ritornato a Pinzolo senza salutarti, senza incontrarti. Mi mancherai perché a dispetto di tanti eri una costante fonte di genuino sapere. Ogni volta che avevo un dubbio, sapevo che Italo probabilmente a modo suo mi avrebbe dato la risposta. E se non la sapeva la trovava. Parlavamo di tutto e tu,uomo estremamente colto, mi affascinavi con i tuoi racconti. Eri per me la memoria storica del mio paese, eri per me, ma forse lo hai sempre saputo, un vero amico. Un amico diverso da quelli che solitamente frequento, ma non per questo meno importante e non è stato un caso averti chiesto di farmi la prefazione del mio ultimo libro.

Ciao amico mio, venerdì sarò puntuale come promesso, ma, per un tragico gioco del destino ti accompagnerò per l'ultima volta su quella strada fatta tante volte insieme.

da http://rodymirri.blogspot.it/