Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Fri08232019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

Francesco Bosco su Serodoli: L'interrogativo che bisognerà porsi è se si vuole, o no, campare di turismo. Ormai il bacino sciistico è saturo. E quindi è necessario trovare degli sbocchi

Francesco Bosco direttore Funivie MAdonna di campiglio Spa"Serodoli, resti Serodoli". Dicono gli ambientalisti. Lo stesso concetto, in modo più pilatesco, lo ha espresso la Giunta Provinciale, che al riguardo non ha fatto altro che dire: "Essendo il Pup competente in materia, al momento non è all'ordine del giorno". Un concetto che, dal punto di vista formale, non fa una grinza. Ma, che di fatto rinvia, nella migliore delle ipotesi, una decisione sull'argomento alla prossima legislatura. A dopo il 2020. Le Funivie di Madonna di Campiglio sono meno diplomatiche della presidente della Comunità delle Giudicarie, Patrizia Ballardini. E per bocca del loro direttore Francesco Bosco ribadiscono, con forza, la loro posizione in materia, rilevando che "prima o poi" l'argomento dovrà essere preso di petto dalla Provincia che sostanzialmente non può continuare a fare la politica dello struzzo.

"Ne prendiamo atto – dice il direttore Francesco Bosco – ma, sinceramente, ci attendevamo un approccio diverso. Anche se non oggi la Provincia dovrà affrontare l'argomento e dire chiaramente ciò che pensa in materia. Prima o poi, è una domanda che la politica dovrà porsi".

Il direttore delle Funivie di Madonna di Campiglio, appena uscito da un summit con il nuovo presidente Collini (che è "esattamente sulla stessa mia linea", dice Bosco), non nasconde la delusione per le notizie che arrivano da quel di Trento, e affronta l'argomento sia dal punto di vista occupazionale che ambientale.
"Serodoli – dice – è indispensabile per la ski-area di Madonna di Campiglio, indipendentemente dal collegamento con la valle di Sole". E l'interrogativo che bisognerà porsi, spiega il direttore degli impianti, è se si vuole, o no, campare di turismo. Ormai il bacino sciistico è saturo. E quindi è necessario trovare degli sbocchi. "E, non è vero che è possibile puntare su uno sci alternativo. Perché, il turismo alternativo non esiste". Ciaspole o scialpinismo, spiega il responsabile degli impianti, sono solo complementari. Non lo diciamo noi. Ma, il mercato. Soprattutto quello internazionale. "E poi – sbotta Bosco – siamo stanchi di essere considerati gli Unni della situazione. Abbiamo dimostrato che, dove ci sono le funivie c'è anche la cura dell'ambiente. Perché siamo i primi ad aver capito che il turista vuole anche le bellezze ambientali. E noi facciamo di tutto per conservarle. Siamo i primi ad essere consapevoli che non è possibile fare turismo senza ambiente". E' un fiume in piena il responsabile della ski- area. "Basta guardare i disastri ambientali di quest'inverno. Territorio dissestato. Sentieri impraticabili". Argomenta. "Ma, non dove ci sono gli impianti. Perché, siamo i primi ad aver cura del territorio". Per non parlare del settore occupazionale. "Vuol vedere il plico di richieste di occupazione che ho sulla mia scrivania?" "Anche la Giunta provinciale dovrà pur occuparsi di quest'aspetto". Il turismo – dice Bosco – è uno dei pochi, se non l'unico, settore trainante. Qualcuno si dovrà pur porre il problema. Procrastinare, e basta, non serve a nessuno.