Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mon06172019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

In Val Rendena 6719 seconde case e 4543 alloggi privati per 53mila posti letto contro gli 8226 posti dell'alberghiero. Maurizio Polla: «È il risultato di scelte scellerate che oggi pesano»

Appartamenti a Madonna di campiglio

L'avreste detto che l'ambito Madonna di Campiglio-Pinzolo-val Rendena, in fatto di ricettività alberghiera, è solo al settimo posto in Trentino? Lo dicono i numeri, pubblicati dal Servizio statistiche della Provincia per il 2013. Analizzando voce per voce, si scopre che lo scorso anno le presenze turistiche in albergo, garnì e altre strutture analoghe della Rendena e Campiglio sono state 1.061.481. Nel Garda Trentino 2.777.133, a ruota la Valle di Fassa con 2.713.702, seguita dalle "cugine povere" delle valli di Sole, Peio e Rabbi, con 1.827.345. La musica cambia quanto il dato diventa complessivo. Vale a dire quando si prendono in considerazione esercizi alberghieri (in totale 133, 108 sono a Campiglio e Pinzolo), più alloggi privati e seconde case. In tal caso, "regina" è la Valle di Fassa con 4.118.727 presenze. Seguita subito dopo da Sole-Pejo-Rabbi con 3.668.047. Mentre la Rendena (Campiglio compresa) si deve accontentare del terzo posto, con 3.266.504. In questo caso, il Garda Trentino scende al quarto posto con 3.082.683 presenze.

Dati che, esaminati, mettono a nudo l'esiguità del potenziale alberghiero della Perla delle Dolomiti e dintorni, con un'offerta turistica del residenziale di uno a tre. Ogni tre presenze, una è appannaggio dell'albergo, due di alloggi privati e seconde case. Un dato di fatto che si spiega raffrontando il numero di posti alberghieri di Campiglio e valle sottostante con quelli ricavati in abitazioni e residence. Il risultato è impressionante, ed evidenzia uno squilibrio a dir poco abnorme. Si scopre così che, su 61.225 posti letto 8.226 sono in strutture alberghiere, garnì e pensioni, contro i 52.999 in alloggi privati e seconde case.

Un divario a tutto svantaggio degli alberghi. Oggi molto penalizzante, per l'aumento della clientela straniera ("il 45% gli stranieri sulle piste al termine della stagione invernale", lo ha confermato nei giorni scorsi il presidente delle Funivie Francesco Bosco), a scapito di quella nazionale. Tour-operator e agenzie di viaggio, per la clientela dell'est Europa vendono prevalentemente pacchetti alberghieri. A raffronto l'alto Garda fa registrare una situazione in antitesi: il 75% dei posti letto sono negli alberghi e negli esercizi complementari, il rimanente 25% nelle abitazioni. Esattamente l'inverso di quanto si palesa in Alta Rendena.

"Purtroppo, in tutta la valle – dice l'architetto Maurizio Polla, per tre legislature sindaco di Caderzone – si è privilegiato il residenziale, a scapito dello sviluppo alberghiero. Scelte scellerate che oggi pesano". "Quand'ero sindaco – aggiunge – a Caderzone su 1.100 posti letto disponibili solo 300 provenivano dall'alberghiero". Non è un mistero, infatti, che la Rendena, con 6.719 seconde case, 4.543 alloggi privati, per circa 53.000 posti letto nell'extralberghiero (l'86% dei posti letto disponibili) si conferma l'ambito con il maggior numero di case di villeggiatura e seconde case di tutto il Trentino.

Un primato, frutto di una politica che ha privilegiato l'aspetto speculativo, alla necessità di una crescita edilizia equilibrata. A Campiglio, ma anche a Pinzolo - dove le verifiche catastali danno 2.010 seconde case e 2.765 alloggi privati - si è in pratica costruito ogni centimetro quadrato disponibile. Il risultato è la disponibilità di un'offerta turistica fortemente squilibrata a favore del residenziale, che mal si concilia anche con l'inclusione nella Ski-Area campigliana di Serodoli. Proprio in virtù del crescente aumento dell'utenza straniera.