Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mon09232019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

Il Team Erpik si aggiudica la dodicesima edizione della 24 ore val Rendena. Tra i solitari vincono Giuliana Massarotto e Tiziano Carraro

Podio Memorial sx Us Carisolo Val Rendena Bike Centro Erpik Dx Bike Tribe  

VAL RENDENA – Dopo anni di vittorie firmate da fortissime squadre nazionali "made in italy", e poi, lo scorso anno, l'imprimatur internazionale con Ucraina e Repubblica Ceca sul podio, la dodicesima "24ore Val Rendena" di mtb, conclusasi al mezzodì di ieri sul traguardo del Lagomago a Caderzone Terme, sarà ricordata come la più rendenese di tutte. Ad aggiudicarsi la competizione è stato, infatti, il giovanissimo e velocissimo quartetto Erpik di Giustino con i ventenni Nicola e Michele Dei Cas, Davide Pedrini e Luca Faifer che hanno alzato il "Memorial Giorgio Ducoli" a conclusione di una gara messa a dura prova, per più della metà del tempo, dalla pioggia e dai temporali. Il Comitato organizzatore, con Marco Polla, Sandro Ducoli e Fabrizio Polla, dopo attente valutazioni ha deciso di non fermare la corsa e di proseguire. A parte due punti critici, il tracciato di 5 chilometri e 200 metri è stato sempre percorribile e gli oltre duecento partecipanti lo hanno affrontato senza paura, anche sotto la pioggia battente.

Già dopo le prime ore di gara, la classifica generale si è più o meno composta. I ventenni di Erpik, che concluderanno con 98 giri di circuito e 509,60 km percorsi, si sono portati quasi subito in testa, con il fiato sulle spalle dell'Us Carisolo-Val Rendena Bike (Walter Maestri, Richard Maestri, Riccardo Mich e Sergio Carli), poi arrivata seconda con 97 giri compiuti, 504,40 km nelle gambe e la soddisfazione del "veterano" Walter Maestri di aver inanellato il giro più veloce: 11 minuti e 22 secondi. Terzi gli otto bikers (Marino Zanchetta, Giuliano Cancian, Walter Coden, Cesare Basso, Renato Rainato, Primo Perisinotto, Calderon Salazar, RobertoGallinelli) del team Bike Tribe giunto in Val Rendena da Treviso.

Tra i solitari, ha messo a segno una nuova vittoria Tiziano Carraro di Mestre, tra i più forti atleti del momento specialisti delle "24ore". Primo nella categoria di chi corre da solo, e sesto nella classifica assoluta, Carraro ha percorso 416 km e 80 giri, facendo pochissime pause. Alle sue spalle i bresciani Luca Bertagnoli, secondo con 79 giri e 410,80 km, e Cristian Ragnoli (78 giri, 405,60 km), salito sul terzo gradino del podio. Seguono Gianluca Bodin di Cremona e Martin Kratter di Bressanone. Tra le donne, ennesimo successo per la padovana Giuliana Massarotto, che ha fatto sua la vittoria già dai primi giri di circuito, tenendo a debita distanza l'altoatesina Marion Untersulzner e la rivana Angela Lorenzi.
Gara nella gara, sabato si è disputata anche la "6ore Val Rendena-Memorial Tiziano Polla", valida anche come seconda prova del Circuito Triveneto, vinta, a conclusione di sei ore combattute fino all'ultimo, da Alessandro Dalsass (29 giri di circuito e 150,80 km) di Rovereto, seguito dai rendenesi Mattia Lorenzetti (29 giri di circuito e 150,80 km) e Mirko Rossato (29 giri di circuito e 150,80 km). Per loro, stessi giri e stessi chilometri di Dalsass, ma compiuti sforando le sei ore.

Il team di Erpik, forte della vittoria di ieri, rappresenterà la "24ore Val Rendena" all'appuntamento del 2 agosto con la 24 ore elvetica di Schötz (Lucerna), mentre Sandro Ducoli, al traguardo, ringraziando tutti quanti hanno collaborato alla riuscita dell'evento, in primis i comuni di Caderzone Terme, Strembo e Bocenago, insieme alle rispettive associazioni, ha già annunciato le date della 13ª edizione del 2015: 12, 13 e 14 giugno. "Noi andiamo avanti – ha detto – nonostante le difficoltà".

La sintesi della gara la si può leggere nelle parole pronunciate, all'arrivo, da Nicola Dei Cas: "La gara è stata fantastica", non riuscendo a dire altro per la stanchezza, e da Tiziano Carraro: "Bella gara, ma durissima, è davvero duro correre una gara così lunga da soli". Fair play per Ragnoli che alla domanda "Ti brucia il terzo posto?", ha risposto: "È bello anche arrivare terzi quando, davanti a te, ci sono dei campioni".

La "24ore Val Rendena" ha inaugurato la stagione sportiva estiva della valle tra l'Adamello e le Dolomiti di Brenta. Prossimo appuntamento da segnare in agenda il 29 giugno con la prima edizione della "Dolomitica Brenta Bike" che porterà oltre 500 bikers a gareggiare in quota, lungo il Dolomiti di Brenta Bike.

Da sx  Giuliana Massarotto Tiziano Carraro Cristian Ragnoli Luca Bertagnoli