Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Wed06192019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

Il Poligono Giapponese, un ospite indesiderato del Parco Naturale Adamello Brenta

poligono del giappone

Si chiama " Poligono Giapponese " ( Fallopia Japonica ) , in Inghilterra è reato anche solo sfalciarla perchè si riproduce dai minuscoli frammenti.
Stiamo parlando di una pianta o meglio dell' Attilia vegetale, che purtroppo si è insidiata anche nel parco Adamello Brenta " senza un permesso di soggiorno ".
Eradicare tale pianta sembra sia difficile se non impossibile, è in atto un progetto pilota nel comune di Pelugo, in collaborazione con il parco naturale, di estirpazione e bruciatura di un perimetro d'area nelle vicinanze del fiume sarca, ma al momento senza alcun significativo risultato.
La pianta ha caratteristiche uniche, riesce a crescere di tre metri in brevissimo tempo e si insidia nel sottosuolo come una trivella per decine di metri sia in verticale che orizzontale, è probabilmente la pianta più produttiva della flora temperata, dove c'è lei nulla più cresce, riesce a soppiantare altre specie vegetali autoctone, sa resistere ad ogni diserbante, insomma , uno scenario da fantascienza.
Essa attenta alla biodiversità unica del Trentino e addirittura alla stabilità del suolo, sensibilizzare tutta la popolazione con corsi di informazione prima che la diffusione sia incontrollabile è un obbligo morale.

P.S. 1 Chiunque riconosca la pianta è caldeggiato ( meglio obbligato ) a segnalare alle autorità competenti : Corpo Forestale , Parco Adamello Brenta, amministrazioni comunali.

P.S.2 Si è già insidiata in molte zone della Val Rendena , pure nei centri urbani ( ad esempio a Massimeno paese ).
Personalmente ho notato la pianta in una 15 di punti lungo la dorsale della Rendena.