Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Wed08212019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione provinciale per mettere in sicurezza la strada che...

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

«E' in arrivo una forte nevicata ma non preoccupiamoci per gli animali selvatici! Quando...

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha iniziato il nuovo anno con un appello per incoraggiare una...

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta si è riunito lunedì 17 dicembre 2018,...

  • Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Wednesday, 06 February 2019 09:26
  • Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

    Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e...

    Friday, 01 February 2019 08:09
  • Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari  finalizzati a conformarsi alle normative e a garantire condizioni di lavoro adeguate

    Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari ...

    Saturday, 26 January 2019 10:27
  • Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

    Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono...

    Wednesday, 16 January 2019 21:18
  • Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

    Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di...

    Tuesday, 18 December 2018 21:01

Orso in amore, per la prima volta ripreso un filmato da Angelo Caliari. Il rapporto orso del mese di maggio

orso in amore in Trentino in un filmato

Il mese di maggio non ha fatto registrare fatti particolari, ad eccezione del falso attacco da parte di un orsa accompagnata da un cucciolo dell'anno, occorso in val di Sole e del quale si è dato conto con un apposito comunicato stampa.
Come atteso si sono registrate le prime osservazioni relative a cucciolate di quest'anno. Sarebbero quattro quelle sin'ora osservate (in Brenta meridionale, valle dello Sporeggio, val di Sole e alta val Rendena, per complessivi 7-9 cuccioli).
E' stato possibile osservare anche maschi e femmine nella stagione degli amori (la primavera, appunto); in un caso il maschio era accompagnato da due femmine (filmato), il che costituisce un'osservazione mai documentata in ambiente alpino mentre, seppur rara, questa situazione si registra regolarmente in altre popolazioni di orso europee.
Non si sono verificati casi di orsi particolarmente confidenti e l'entità dei danni segnalati è rimasta nella norma, ad un livello inferiore a quello registrato nello stesso periodo del 2013.
Per quanto riguarda infine gli orsi radiocollarati, Daniza accompagnata dai suoi cuccioli è rimasta in alta val Rendena in un areale relativamente piccolo e senza provocare danni; M6, maschio adulto, si è spostato molto tra il Brenta meridionale ed il gruppo Paganella-Gazza verosimilmente in cerca di femmine, mentre M25, maschio giovane, ha frequentato il territorio svizzero per circa tre settimane (soprattutto in Engadina) provocando qualche danno, sia su bestiame domestico che su apiari. Si è trattato però di episodi a carico di patrimoni situati lontano dai centri abitati e non protetti con opere di prevenzione anti-orso, tali da non generare la necessità di prevedere particolari attività di dissuasione da parte delle autorità elvetiche.

Filmato: maschio accompagnato da due femmine nella stagione degli amori - Angelo Caliari, Archivio Servizio Foreste e fauna PAT.