Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun02192018

Last update02:33:33 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La piazza dei Giudicariesi

Daniza si è addormentata per sempre, il web si è risvegliato

daniza addormentata per sempre 2

In un bosco fisico e reale l'orsa slovena trapiantata in Trentino non si è più risvegliata dal tranquillante che la squadra speciale le ha sparato in corpo per catturarla, così spiega uno stringato comunicato stampa, nella selva virtuale del web si sono già celebrati i funerali, fatto il processo alla Provincia, ai cittadini locali o al Trentino e rinverdite le battaglie a suon di insulti sui social network.
La Daniza virtuale ha di gran lunga superato la Daniza reale. Sulle pagine Facebook dall'inizio di questa vicenda sono volati insulti e sfottò, è stato scritto tutto e il contrario di tutto, e certamente molto di più è accaduto online che nel mondo reale. Petizioni, hashtag, post, video, foto: un universo di immagini andato ben oltre la realtà che voleva rappresentare.
E mi fa pensare. A cadenza settimanale nelle inbox delle nostre email troviamo appelli e petizioni varie per salvare le donne, le tigri del Bengala, gli orsi polari, il pianeta, i bambini di Gaza. Di tutto un po', in un grande calderone. C'è finita pure Daniza che ha raccolto, pare, 200mila firme virtuali per essere lasciata libera. I testi degli appelli sono quasi tutti scritti male, disinformati e pieni di errori anche grossolani, che risultano tristemente evidenti a chi vive in Giudicarie. Imprecisioni e opinioni passate per fatti, per la maggioranza, ma tutti commentati ampiamente.
E' un click facile quello che facciamo quando vediamo, semplificata in poche righe scritte da una sola campana, una vicenda che riguarda nella grande maggioranza dei casi questioni di parti di mondo dove se va bene siamo stati a malapena in vacanza. E' tanto simile al "like" che mettiamo su Facebook, ma a differenza (per ora) dei like su Fb, questi click fanno numero, vengono ripresi dai media e portati dai promotori come opinioni in loro favore. Ma davvero di opinioni si tratta? O sono solo affrettate e superficiali adesioni, rese numerose dalla velocità e diffusione del mezzo e da una bassa percezione della responsabilità legata a quel click? Sarebbero altrettante se, ipotizziamo, fossero state richieste bussando alla porta di casa e chiedendo una firma "nero su bianco"? Quante di quelle firme virtuali sono ponderate, hanno riflettuto sulle conseguenze reali per chi quella questione la vive tutti i giorni, hanno pensato che magari ci sono delle ragioni buone per una decisione o per l'altra, prima di cliccare? Dopo Daniza e dopo gli scontri soprattutto verbali delle manifestazioni a Pinzolo, trovo difficile credere che siano opinioni nate dall'aver ponderato e approfondito un problema e da un confronto con le parti coinvolte.
Ma la montagna di Facebook ha partorito un topolino. A leggere le pagine dedicate a Daniza, era inevitabile credere che il mondo intero ce l'avesse con Daniele Maturi, con Pinzolo, col Trentino. E invece, nella realtà vera dove oltre a un click distratto e un commento buttato lì bisogna fare qualcosa, si sono presentati pochi estremisti a manifestare a Pinzolo assieme probabilmente a qualcuno che in buona fede manifestava il proprio pensiero. Risultato: 0 dibattito, 0 approfondimento, 0 passi avanti per far funzionare meglio Life Ursus e il tutto ridotto a 2 posizioni ormai irriducibilmente contrapposte. Numeri desolanti, per il grande mondo del web e la sua enorme potenzialità. Ora Daniza è morta, e tutto ricomincia.

Commenti   

 
-1 #11 giuli 2014-09-12 20:22
Citazione Luca:
..credo che nella vicenda di Daniza si siano persi senso della misura e contatto con la realtà. Penso che questo articolo possa restituire un punto di vista più corretto e critico su quanto è accaduto, sulle reazioni e sulle prese di posizione riportando il tutto nelle giuste proporzioni anche rispetto ai tanti altri fatti che ogni giorno dovrebbero sollecitare una nostra presa di posizione.

Non è ammesso per certo ché l uomo sia capace anche di fare peggio, si debba accettare questo schifo. E poi mi chiedo come questa denise che qui blatera e ridicolizza ill web lo usi e in altri articoli come quello sull ospedale di Tione ci racconti di raccolte firme. CAMBIA MESTIERE PERCHE OLTRE CHE SCRIVERE MALE TI DAI LA ZAPPA SUI PIEDI
Citazione
 
 
-1 #10 Luca 2014-09-12 18:47
..credo che nella vicenda di Daniza si siano persi senso della misura e contatto con la realtà. Penso che questo articolo possa restituire un punto di vista più corretto e critico su quanto è accaduto, sulle reazioni e sulle prese di posizione riportando il tutto nelle giuste proporzioni anche rispetto ai tanti altri fatti che ogni giorno dovrebbero sollecitare una nostra presa di posizione.
Citazione
 
 
0 #9 selvadivalrendena 2014-09-12 18:13
In questo mondo ci si accorge sempre di più della stupidità degli uomini e dell'intelligen za degli animali dove mamma orsa ci ha lasciato la vita solo per difendere i suoi cuccioli i quali probabilmente moriranno. Neanche con la cattura del cucciolo e poi il suo rilascio i nostri politici sono stati capaci di riscattarsi. Almeno il cucciolo che avevano preso potevano portarlo in un'oasi protetta dove potesse vivere, invece NO lo hanno rilasciato con la promessa che lo seguiranno a distanza BARZELLETTE. Come trentini abbiamo fatto una pessima figura su tutti i fronti e agli occhi del mondo intero, SPERIAMO NELLA GIUSTIZIA.
Citazione
 
 
-2 #8 giuli 2014-09-12 14:26
Com e possibile pubblicare una cosa del genere su giudicarie news. ? Questo Rocca forse si nasconde dietro i commenti scritto a caldo subito dopo l assassinio dell orsa. Ma che si ascolti i commenti di molti politici Europei e Italiani. Rossi puoi contare solo sui sorrisi di 4 zoticoni del tuo paesino.. tra le persone pensanti hai fatto una sporca Figura!
Citazione
 
 
-4 #7 Cassio 2014-09-12 10:56
[quote name="Orsazajla"]

Le postazioni alimentari sopra i 1400 metri forse andrebbero create per i promotori e realizzatori del progetto life ursus, in modo da tenerli lontani dagli scranni della politica.Questi ultimi forse meditando in mezzo alla natura, capirebbero che se l'orso sulle alpi si è estinto forse un motivo c'è ed è irreversibile.N on si puo pretendere di avere l'orso e il lupo in un ambiente montano ormai urbanizzato.Non siamo mica in Canada dove questi animali hanno spazi immensi per poter vivere tranquilli.
Ps. Poi non capisco come si possa affermare sulle testate giornalistiche, che gli orsi in Trentino sono solo una quarantina.Ma se la sola Daniza ha avuto 18 cuccioli, forse facendo due calcoli capiremmo che questi orsi possono essere anche piu di un centinaio o sbaglio????
Citazione
 
 
+5 #6 Orsazajla 2014-09-11 19:06
Non è più tempo per l'ignoranza e nessuno è obbligato a firmare petizioni con un fucile puntato. Se per coscienza qualcuno partecipa a manifestazioni in difesa di qualcosa è perchè si sente coinvolto empaticamente. Se la politica locale riuscisse una buona volta a trovare soluzioni valide ai problemi reali, non ci sarebbero più incidenti come quello accaduto al Sig. Maturi e non ci sarebbe stato il sacrificio di Daniza e dei suoi piccoli che probabilmente non sopravviveranno.
Magari basterebbe creare delle postazioni alimentari in alta quota, sopra i 1400 metri, così da tenerli lontani dalle zone abitate e poterli monitorare e farne fonte di promozione turistica. A chi obietta che non sarebbe un sistema natuale, chiedo: cosa ci è rimasto di naturale in Trentino ?
Citazione
 
 
+5 #5 ErnestoB 2014-09-11 18:33
mah, ci sono stati fior di pareri di esperti sul web ed anche sui giornali cartacei locali e quasi tutti stigmatizzavano non solo l'uccisione, ma pure la cattura, ingiustificata secondo loro, rispetto ai fatti contestati all'orsa, ma probabilmente le posizioni di chi aveva degli interessi sulla questione hanno avuto il sopravvento, certo che l'epilogo non ci voleva, purtroppo, in tempi di vacche magre potrebbe essere una brutta tegola per il turismo "rendenero", con buona pace di chi lo caldeggiava, adesso si ricomincia, questo sì...
Citazione
 
 
+2 #4 Guidop 2014-09-11 18:12
Ti do un consiglio : quando fai una paginetta del tuo blog sforzati di curare un po' più la documentazione prima e magari aiutati con un manualetto di composizione perchè lo stile mi sembra un tantino "faticoso".Di idee buone, a parte gli insulti nel giorno del dolore e dell'indignazio ne, in rete ne trovi una vagonata, basta cercarle.
1) assurdo sul piano ecologico catturare Daniza separandola dai cuccioli 2) poco credibile fin dall'inizio la storiella del maturi che ha rimediato qualche graffietto e ha mentito spudoratamente sui 40 punti (bende immacolate, ti ricordi??) 3) totale adeguatezza ecologica della reazione di Daniza nella reazione alla minaccia ai suoi cuccioli 4) grave mancanza informativa della provincia nel non predisporre indicazioni di comportamento per escursionisti 5) demenza amministrativa del duo Rossi/Dallapicc ola che non ne hanno imbroccata una. Ti basta?
Citazione
 
 
+5 #3 Franz 2014-09-11 17:59
Ma che vuol dire ...e tutto ricomincia?

E poi che dialogo si può avere con gente ch VUOLE SOLO UCCIDERE GLI ORSI?

MA CHE DISCORSI SONO QUESTI, FINE A SE STESSI?
Citazione
 
 
+2 #2 Amneris 2014-09-11 17:35
Non credo proprio che le firme alle petizioni per salvare Daniza siano virtuali e superficiali!

Ormai il net unisce ed è uno dei tanti mezzi per lottare.

Ritengo inoltre che sia davvero ingrato e superficiale tacciare di estremisti gli animalisti venuti fino a Pinzolo per difendere i diritti di un animale!

Se non altro, a differenza delle "!associazioni storiche", che non si sono mosse perchè sicure di ottenere tutto a tavolino, ottenendo la motre di daniza, gli estremisti si son fatti centinaia di km e han rischiato di esser linciati ...
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto

Le ultime notizie 2

La BaKeKa