Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer01232019

Last update09:31:20 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

«Scuola e Università, un buon dialogo tra risorse dello stesso Territorio»: così Marta Dalmaso a Comano Terme al seminario per dirigenti scolastici

dalmaso e fraccaroli a Comano Terme

"il segnale prezioso di dialogo e di potenziamento delle connessioni tra Università e Scuola, grazie al Centro per la formazione continua e l'aggiornamento del personale insegnante di Rovereto, grazie alla Facoltà di scienze cognitive e grazie a voi che partecipate con convinzione a questa iniziativa". Questa la dichiarazione dell'assessore provinciale all'istruzione, Marta Dalmaso, che assieme al dirigente del Dipartimento della Conoscenza, Marco Tomasi, ha seguito la seconda giornata del Seminario per i dirigenti scolastici e direttori dei Centri di Formazione Professionale di tutte le scuole della Provincia a Comano Terme, dedicata interamente a contributi da parte di docenti della Facoltà di scienze cognitive dell'Università di Trento.

Una giornata importante, quella di oggi all'interno del Seminario su "I territori di Frontiera - Leadership per l'apprendimento", promosso dal Centro per la formazione continua e l'aggiornamento del personale insegnante di Rovereto e gestita di fatto da preside e docenti della Facoltà di Scienze Cognitive dell'Università di Trento, che a Rovereto ha sede, come il Centro Formazione Insegnanti, ma che già opera in collaborazione con Centro, con l'Iprase, con scuole e con insegnanti delle scuole trentine e che ha tutta l'intenzione di allargare il proprio raggio d'azione su tutto il territorio provinciale, a cominciare dal Tirocinio Formativo Attivo per 153 insegnanti. Un momento importante di informazione e confronto con i dirigenti scolastici ed i direttori dei Centri di Formazione professionale, che non hanno ascoltato passivamente i contributi dell'Università, ma sono subito entrati nel merito "tempestando" di domande di chiarimento e approfondimento i relatori, ma apprezzando questo momento intensivo di confronto che il Centro Formazione Insegnanti ha proposto e realizzato, facendosi tramite importante tra scuola e università su iniziative concrete di formazione già attivate e tuttora in corso.

L'assessore Dalmaso ha voluto rimarcare l'importanza di questo segnale di dialogo, ringraziando i dirigenti scolastici per la disponibilità e la partecipazione e augurandosi che tali momenti si ripetano e si intensifichino "perché conoscere le riflessioni e i risultati delle ricerche degli esperti dell'università aiuta anche la scuola ad affinare gli strumenti di sintonizzazione fra noi".

Sono stati Italo Fiorin e Luciano Covi, presidente del comitato scientifico e direttore del Centro di Rovereto, a presentare "gli ospiti dell'università".

Il preside della Facoltà, Franco Fraccaroli, ha tratteggiato il panorama dell'offerta di formazione rivolta in modo specifico al sistema scolastico trentino, fornendo dati e contenuti di corsi, seminari e altre iniziative in atto. Subito dopo, quattro docenti della Facoltà hanno relazionato su tematiche specifiche che trovando intrecci e correlazioni con il lavoro non solo dei presidi, ma innanzitutto degli insegnanti in classe; perché – lo hanno rimarcato più volte – l'obiettivo anche dell'università è quello di creare una relazione virtuosa tra ricerca ed applicazione operativa nelle scuole.

Francesco Pavani ha affrontato il tema dell'istruzione per l'uso delle Neuroscienze cognitive e l'educazione, partendo proprio dallo smantellamento di alcuni neuro-miti scorretti oggi di moda proprio sulle neuroscienze. Roberto Cubelli ha proposto la riflessione sulla memoria, sui modelli teorici e pratica didattica nel rapporto "mente ed educazione", coinvolgendo i partecipanti anche in un mini-test significativo sul modo in cui spesso gli insegnanti si relazionano con gli studenti proprio sul tema della memoria e, magari, facendo errori inconsapevoli cui tutti possiamo essere soggetti. Nel pomeriggio, tre interventi ancora più vicini alla quotidianità della scuola: Remo Job sul Linguaggio: gli stili di apprendimento, meccanismi neuro-cognitivi e strategie di comunicazione; Manuela Piazza su "Matematica: numeri, calcoli e tecnologie didattiche"; Paola Venuti su "Disturbi neuro-cognitivi e ambienti di apprendimento".

Tante domande, e poi, conclusioni di Mario Dutto e Marco Tomasi. (mc)

Il Castello di Stenico in un filmato in 3D. La presentazione venerdì 20 aprile presso le Marangonerie del Castello del Buonconsiglio di Trento

castello di stenico ricostruzione 1

Venerdì 20 aprile alle ore 18 anteprima alle Marangonerie del Castello del Buonconsiglio del filmato in 3D relativo alle fasi costruttive del Castello di Stenico. Il documentario, realizzato in collaborazione con la Fondazione Caritro, propone un suggestivo percorso a ritroso nel tempo con una interpretazione originale della storia del castello che si basa sui dati di una nuova ricerca svolta da Carlo Andrea Postinger e arricchito dalle animazioni in computergrafica di Stefano Benedetti, fotografie di Paolo Covi, dalle musiche originali di Luca Trentin e dalla presenza in video della conduttrice Francesca Mazzalai. La regia è di Oscar Sartori. Coordinamento del progetto: Lia Camerlengo. Realizzazione: Screen Studio srl. Produzione: Castello del Buonconsiglio.

Leggi tutto...

Comano Giudicarie bike: 600 km di emozioni su due ruote...

Malga Movlina - Ronny Kiaulehn

Lungo i sentieri, all'ombra dei boschi o attraverso pascoli soleggiati, in un dolce saliscendi o giù per discese adrenaliniche... ce n'è per tutti i gusti: un angolo segreto di Trentino da esplorare in sella alla bicicletta in cerca di sfide uniche o semplicemente di silenzio e panorami che rubano il cuore. Serviti, riveriti, attrezzati, assistiti e informati grazie al nuovo progetto Comano Giudicarie Bike from Garda to Dolomiti di Brenta che ha come testimonial l'olimpionica Antonella Bellutti.

Leggi tutto...

Terme di Comano: Il Ponte interroga Tonina «sulle significative modifiche al piano di sviluppo»

terme di comano - Comano Terme

Il capogruppo de il Ponte, lista civica di opposizione a Comano Terme ha presentato all'assesore comunale Mario Tonina, delegato del consiglio comunale alle Terme di Comano, un'interrogazione sull'ammodernamento dello stabilimento termale. In particolare vengono chieste al presidente dell'assemblea termale Tonina informazioni in merito a "significative modifiche al piano di sviluppo".

A seguire il testo integrale dell'interrogazione.

Leggi tutto...

Folla all'inaugurazione del Museo delle Palafitte di Fiavè

MUSEO PALAFITTE FIAVE inaugurazione 1

Il gran giorno del Museo delle Palafitte di Fiavé è arrivato. Parte della grande rete dei musei e dei siti palafitticoli dell'arco alpino, entrata lo scorso anno del Patrimonio mondiale dell'Unesco, il Museo di Fiavè, preziosa testimonianza della vita umana tra il tardo Neolitico e l'età del Bronzo, è stato inaugurato oggi pomeriggio, alla presenza di un foltissimo pubblico e di numerose autorità, fra cui l'assessore alla cultura della Provincia autonoma di Trento, Franco Panizza e il sindaco di Fiavé, Nicoletta Aloisi.

Leggi tutto...

Alla scuola primaria di Rango si riscopre la Val Marcia, l'impervia vallata che chiude a sud le Giudicarie Esteriori e le divide dalla Valle di Ledro

la val Marcia - Giudicarie esteriori

Una eccezionale serata culturale, in una fredda notte ancora invernale, nel Bleggio, nella sala riunioni della nuovissima e funzionale Scuola Primaria di Rango. Per iniziativa della sezione Sat di Fiavé e del nuovo Gruppo culturale "Le Tre Piéf" si è voluto parlare della sconosciuta e dimenticata "Val Marcia": l'impervia vallata che chiude a sud le Giudicarie Esteriori e le divide dalla Valle di Ledro; una valle in cui l'uomo non ha trovato spazi per un qualsiasi tipo di insediamento e lasciata a disposizione solo per il legname ad uso delle popolazioni del Bleggio e dei carbonai, e diventata - per la tradizione - il regno delle streghe.

Leggi tutto...