Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Sab09232017

Last update07:19:35 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

San Lorenzo in Banale: Recuperiamo la vecchia falesia dimenticata. La proposta dell'associazione Dolomiti Open

arrampicata 2

La falesia, geologicamente, può essere descritta come una costa rocciosa con pareti a picco, alte e continue. Ogni falesia può avere differenti caratteristiche e varia in base alla tipologia di roccia di cui è composta, come per esempio granito, calcare, arenaria e così via. In molti casi, come in Francia, grotte ed anfratti naturali nelle falesie hanno ospitato comunità neolitiche.
Per quanto concerne invece la disciplina sportiva dell'arrampicata, per falesia si intende una fascia rocciosa, di norma intesa come sito d'arrampicata. Sono esempi di grandi falesie nel mondo Céüse in Francia, Siurana in Spagna, Mišja Peč in Slovenia. E, ovviamente con dimensioni più contenute, anche nelle Giudicarie Esteriori troviamo di questi siti. Ha fatto notizia, nell'ultimo periodo, l'iniziativa di salvaguardia e di riutilizzo di una falesia situata a sud di San Lorenzo in Banale, curandone manutenzione e valorizzazione. La proposta, lanciata poche settimane fa dall'associazione Dolomiti Open, ha come obiettivo l'organizzazione di un crowdfunding per restituire, nella sua integrale maestosità, la falesia alla comunità. Dolomiti Open, un gruppo operativo di professionisti della montagna, Guide Alpine ed Accompagnatori di Territorio, specializzati per accompagnare nelle attività in montagna le persone con disabilità ha lanciato l'idea, che potrebbe prendere piede a breve. La parete, che veniva utilizzata in passato-si parla di una trentina di tiri presenti-adesso è dismessa, nonostante una composizione ottimale. Oltre alla parte prettamente pratica, la falesia in questione è situata in una zona decisamente pittoresca, a poche centinaia di metri dal centro sportivo di Promeghin, con vista sul Limarò, canyon scavato dal passaggio del Sarca. L'idea dei promotori è quella di avviare una colletta per provvedere ai lavori di ristrutturazione e per dare alla location un respiro internazionale, soprattutto agli appassionati del settore. La comunità dei climbers si è già mossa per ottenere l'accesso a questo sito, aprendo un sito internet (www.dolomit-open.org) ed una pagina facebook (La Falesia Dimenticata-Dolomiti Open). "Vogliamo che questa falesia-scrivono sulla piattaforma web i promotori-diventi la falesia di tutti ed è per questo che il contributo di ognuno diventa fondamentale. Ognuno nel suo piccolo può contribuire a realizzare questa idea e restituire agli amanti dell'outdoor questo monumento naturale dell'arrampicata."

falesia 2
La parete ha tutte quelle caratteristiche estetiche e di scalabilità che la rendono unica nel suo genere, trattandosi scudo di roccia unica che fuoriesce da un prato; negli anni Ottanta il sito conobbe una certa notorietà, essendo inserito sulla guida degli scalatori di Arco.
"L' associazione sportiva dilettantistica Dolomiti Open-continuano gli organizzatori-è nata e si è attivata per fare riaprire questa falesia e restituire questa «Gioconda» dell'arrampicata al popolo degli arrampicatori, perché un sito d'arrampicata così unico deve diventare Patrimonio dell'umanità dei climbers e non solo."

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna