San Lorenzo- Dorsino, CEIS e Scuola Materna Don Guido Bronzini insieme per lo sviluppo dei bambini

asilo 1

Sta per volgere al termine l'anno scolastico 2016/17, e nelle varie scuole-di ogni ordine e grado-è tempo di bilanci, considerazioni e propositi per le attività da impostare in futuro. E se a livello di istituti superiori, o di scuole medie o elementari, le analisi vengono indirizzate sul percorso prettamente scolastico, per quanto concerne le scuole dell'infanzia si tende a valutare anche la crescita e lo sviluppo dei bambini. È ciò che hanno fatto le insegnanti della scuola materna paritaria di San Lorenzo Dorsino, che quest'anno hanno potuto sviluppare un percorso incentrato sulle abilità cognitive dei piccoli scolari, partendo dall'analisi degli elementi alla base dell'educazione all'immagine: punti, linee, colori e segni. Tale progetto, che ha permesso di accrescere nei bambini una coscienza ecologista (attraverso il riciclo creativo di materiali utilizzati), ha ottenuto il supporto del CEIS (Consorzio Elettrico Industriale di Stenico), che ha finanziato i laboratori, mettendo a disposizione del plesso pennarelli, cartoncini, materiale per addobbi e per dipingere. Un'interessante iniziativa, dunque, che ha permesso a due enti del territorio di interagire nell'interesse dei bambini. Bambini che sono stati inoltre divisi in gruppi per affinare il loro le capacità di teamworking, di sintesi tra le loro idee e di sviluppo della creatività dei singoli.

Le tecniche e gli strumenti messi a disposizione anche grazie all'intervento economico del Consorzio hanno promosso il pensiero divergente dei piccoli protagonisti, che hanno scoperto nuovi modi di comporre gli elementi del linguaggio visivo. Un'opportunità che si integra alla grande varietà di offerte che l'istituto (inaugurato nel 1956 da don Guido Bronzini, a cui è stato intitolato, e gestito per anni dalle suore di Maria Bambina) propone, di concerto con i vari enti, associazioni o privati che periodicamente supportano la sua attività. La scuola materna vive in simbiosi con la comunità: l'Ente Gestore e le insegnanti cercano di coinvolgere terzi per veicolare all'esterno i valori trasmessi ai bambini, come, ad esempio, la politica del riuso e del riciclo. La comunità ha inoltre supportato l'asilo in diverse occasioni: basti pensare alla raccolta dei "buoni scuola" con il quale è stato possibile acquistare numerosi apparecchi tecnologici. In questo caso, in ausilio all'Istituto, è intervenuto il CEIS, il quale ha dimostrato di credere e investire nello sviluppo dei bambini e forse nel futuro di qualche giovane cooperatore.