Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer09192018

Last update04:26:29 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Comunità di Valle: un "sì" con alcuni fondamentali "se"!

Giudicarie Tione di trento

Ho appena ascoltato un concerto per pianoforte e orchestra di Mozart: tanti strumenti diversi, ognuno col suo timbro ma tutti con la stessa tonalità, e ciascuno pronto ad immettersi nell'insieme al tempo/battuta giusto e con le note appropriate. Il pensiero è corso immediatamente alla "Comunità di Valle" dove - a mio modesto parere - sta mancando la stessa tonalità e la capacità dell'insieme orchestrale. Da questa emozione nasce questo intervento, forse un po' estemporaneo, motivato dal fatto che varie persone mi "sono saltate addosso" dopo il mio articolo "Io credo ancora nella Comunità". Sono passato per un illuso, un sognatore e un idealista per questo mio credere ancora in un'istituzione pubblica che sembra da non tutti voluta in quanto da qualcuno considerata anacronistica.

Leggi tutto...

«Non vi sarà alcun commissario liquidatore per l'Ospedale di Tione!». A ribadirlo l'assessore della Pat Rossi

ospedale di tione

«Non vi sarà alcun commissario liquidatore per l'Ospedale di Tione!». A ribadirlo l'Assessore alla Salute e alle Politiche Sociali della Pat Ugo Rossi alla Presidente della Comunità delle Giudicarie Patrizia Ballardini. A rafforzare le parole di Rossi l'incontro avvenuto questa mattina tra i vertici dell'azienda sanitaria provinciale nella persona di Luciano Flor, del Distretto sanitario - Patrizio Caciagli e dell'Assessore competente Luigi Olivieri, che ha confermato gli impegni già presi con amministratori e cittadini nell'assemblea pubblica tenutasi nella Casa della Comunità delle Giudicarie nel settembre 2011.

Leggi tutto...

Calano gli Alpini in congedo nelle Giudicarie

La riduzione delle truppe alpine comporta un mancato ricambio degli alpini in congedo, il cui invecchiamento fa lentamente diminuire gli iscritti ai Gruppi della Sezione Ana del Trentino, sezione che si caratterizza per l'intensa attività di volontariato portata avanti negli ambiti di appartenenza. Per fortuna accanto a quanti hanno prestato il servizio militare si iscrivono all'Ana soci aggregati, che non hanno fatto la naja, ma che si sentono attratti dall'ambiente particolare delle penne nere, cui danno una mano nel realizzare le iniziative promosse sul territorio, dalle adunate alle feste campestri, dal sostegno agli anziani a quello offerto a chi si trova in difficoltà o è stato colpito da eventi come sismi, o terremoti. Così nella Sezione provinciale nel 2011 rispetto all'anno precedente si è registrato un calo di 447 alpini in congedo. Oggi sono 24.187.

Leggi tutto...

Alessandro Rognoni: "Piano Giovani da rottamare. Tutti sconfitti ad El Alamein, nessuno escluso..."

 El Alamein 1

"Sconfitti ad El Alamein. Tutti, nessuno escluso". Così Alessandro Rognoni, membro del Forum Nazionale Giovani e coordinator e del gruppo Rinnovamento di Tione, commenta il comunicato della Provincia. Salta il progetto El Alamein, la gita che avrebbe dovuto tenersi a coronamento del corso di paracadutismo "Oltre il limite", all'interno del Piano giovani.

"Ad El Alamein ci fu una delle battaglie più decisive della seconda guerra mondiale, perché mise fine alla minaccia italo-tedesca sul Canale di Suez. La proposta di collegare il piano giovani ad una missione di rilevamento e ripristino delle postazioni militari italiane nel deserto egiziano con soldi pubblici la trovo ridicola e antieducativa. Assistiamo ad un completo ribaltamento dei valori e punti di riferimento della società. Il Piano giovani dovrebbe essere uno strumento di partecipazione giovanile improntato su "veri" valori, quali la giustizia, l'amore, la cultura, per favorire quel processo di crescita generazionale su cui tutti discutono ma nessuno purtroppo fa niente.  

Leggi tutto...

Il disagio giovanile al centro dell’attenzione di un incontro promosso dalla Comunità con Comuni, istituzioni scolastiche, referenti per la sicurezza, privato sociale, volontariato, azienda sanitaria

disagio giovanile

Una Comunità può dirsi tale se riesce a capire e a analizzare le situazioni e i contesti in cui si sviluppa e se individua e cerca di porre rimedio a situazioni di disagio che si possono presentare. E se i disagi riguardano le nuove generazioni diventa ancora più impellente la necessità di trovare strategie e mezzi condivisi per poterli risolvere e garantire delle prospettive ai giovani. È su queste basi che la Comunità delle Giudicarie si sta muovendo ed è questa la logica che ha spinto a organizzare un incontro sulle problematiche giovanili. «Il primo di un percorso di ascolto che interesserà tutti i territori – come ha precisato la presidente della comunità, Patrizia Ballardini - finalizzato a una riflessione sulla realtà giovanile in Giudicarie non solo in termini di disagio ma anche di benessere e prevenzione, partendo dalle esperienze di tutti gli attori territoriali in grado di dare un contributo per costruire insieme alcune proposte operative».

Leggi tutto...