Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio11232017

Last update05:54:48 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Ottiene 200 mila euro dal marito e poi sparisce. Anziano giudicariese truffato dalla moglie moldava

badanti 1Quando si legge una favola-interpretata in chiave più o meno moderna-si pensa che debba necessariamente concludersi con un lieto fine. Purtroppo, come si sa, la realtà travalica soventemente quelli che sono gli eventi fantastici e non sempre una storia si chiude con un lieto "...e vissero tutti felici e contenti". Ne sa qualcosa un ottantenne giudicariese, che si è visto costretto a sporgere denuncia contro la moglie, moldava, la quale, dopo avergli alleggerito il conto corrente, è tornata in patria facendo perdere le proprie tracce. I due si erano conosciuti nel 2013, poichè la donna, oggi cinquantaciquenne, assisteva un amico dell'anziano. Scoccata la freccia di Cupido, che li ha colpiti entrambi, i due si sono sposati dopo pochi mesi. Lei ha cominciato poi a chiedere denaro al coniuge, per assistere la madre malata in patria e per ristrutturare la casa natia. L'uomo le avrebbe concesso una cifra intorno ai 200.000 euro. La donna ha quindi iniziato a recarsi con frequenza sempre maggiore nel paese d'origine, fino alla totale sparizione avvenuta ad ottobre 2015. A distanza di un anno e mezzo, a malincuore, lo sfortunato protagonista della vicenda si è visto costretto a sporgere denuncia, per violazione degli accordi matrimoniali e di assistenza famigliare. L'uomo, che si trova in una situazione economica abbastanza agiata, non si è fatto problemi quando è stata ora di elargire denaro alla moglie, che nel frattempo non esercitava più la professione di badante, vivendo a totale carico del marito. L'ottantenne, oltre alla profonda delusione sentimentale, ha subito un duro colpo anche nella gestione dei problemi di ogni giorno che la vita di coppia presenta: dal 2015 è obbligato ad autogestirsi. Ha quindi deciso di denunciare la totale scomparsa della moldava (con la quale è riuscito a mettersi in contatto telefonicamente una sola volta, per poi perderne le tracce) più per il danno affettivo procuratogli che per i soldi concessi a lei, e che non si sa se siano stati effettivamente impiegati dove preventivato. La donna, a partire dall'autunno 2015, avrebbe dovuto trattenersi nel paese esteuropeo solo per alcune settimane. Passate le quali, l'anziano ha deciso di agire per vie legali.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna