Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun09162019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Notizie dal Trentino

Raggiunti i -41,1°c nella conca sotto il rifugio Rosetta . Primi dati dai siti freddi dell’altopiano delle Pale di san Martino

Schermata-2019-02-05-alle-14.16.03

Questa mattina alle ore 3.00 il termometro della stazione meteo posizionata a poche decine di metri dal Rifugio Rosetta sulle Pale di San Martino, ha raggiunto la temperatura record per il sito di -41,1°C. L’ultima volta che si erano raggiunte temperature prossime ai -40°C al Rifugio era il 01/12/2017, in quel caso si erano toccati i -39,4°C., dovremmo attendere qualche giorno, probabilmente il fine settimana, per sapere quali temperature si sono raggiunte nelle altre stazioni meteo posizionate sull’Altopiano delle Pale di San Martino (il record per l’altopiano spetta a Busa Fradusta con -49,6°C, seguita da Busa del Miel con -49,4°C).

Il monitoraggio presso il Rifugio Rosetta è una collaborazione dell’Associazione Meteo Triveneto con i gestori Roberta Secco e Mariano Lott che dura da diversi anni, l’Associazione ha installato una stazione meteo (Davis Vantage Pro2) al Rifugio Rosetta (m. 2581) e una nella conca sotto il Rifugio stesso a quota 2.555 metri. I dati dalla stazione nella conca vengono trasmessi via radio al Rifugio e da qui via satellite messi online su internet (quando il rifugio è aperto).

Significativa è la differenza di temperatura col rifugio, situato a soli 26 metri sopra la conca, dove la temperatura si è fermata a -11,9°C. Se nella libera atmosfera la temperatura solitamente diminuisce di 0,6°C ogni 100 metri, salendo, nelle “frost hollow” accade il contrario e in maniera esponenziale, la temperatura diminuisce anche di oltre 1°C al metro scendendo.

Ci preme sottolineare l’incredibile differenza di temperatura tra il Rifugio e la conca nel momento in cui si è rilevata la minima di -41,1°C, al Rifugio la temperatura era a -10°C, quindi ben 31°C di differenza in soli 26 metri. Per chi l’ha provato sulla propria pelle come i “dolinatori” di Meteo Triveneto Stefano Zamperin e Giampaolo Rizzonelli, che sono ancora scesi in queste condizioni nel sito freddo partendo dal rifugio, è come entrare in una cella frigo, ogni passo la temperatura cala in maniera percettibilissima, una vera emozione da provare.

Secondo l’esperienza acquisita negli anni di monitoraggio (dal 2008), le potenzialità morfologiche del sito freddo presso il Rifugio Rosetta, sono tra le migliori, avendo un ottimo “sky view factor”, che si potrebbe tradurre con il termine “porzione di cielo visibile”, il sito infatti ha la possibilità di cedere calore verso la libera atmosfera, non essendoci nelle immediate vicinanze cime molto elevate, che potrebbero ostacolare il raffreddamento dell’aria. Va detto infine che i piccoli rilievi posti intorno al sito fungono da recipiente per l’aria fredda che si accumula sul fondo del sito, che a tutti gli effetti diventa un vero e proprio “catino di aria fredda”.