Notizie dal Trentino

"Invasioni digitali", un'iniziativa per valorizzare il patrimonio culturale italiano

L'iniziativa, lanciata su scala nazionale, è stata studiata per valorizzare il patrimonio culturale italiano, attraverso una piattaforma web in grado di fare incontrare le persone, permettendo loro di organizzare eventi e parteciparvi. L'elenco degli appuntamenti organizzati nella nostra provincia si trova su www.social.visittrentino.it

Da sabato 20 aprile a domenica 28 anche il Trentino sarà terreno di "invasioni digitali". Nonostante il nome, non si tratta di un accadimento dal quale bisogna guardarsi, ma di un iniziativa di grande interesse, alla quale tutti possono partecipare, un'occasione per entrare a contatto con la cultura del territorio attraverso una modalità nuova, strettamente legata ai social network. Promosse da un sito web creato ad hoc, le #invasionidigitali (non è un caso che il nome sia preceduto dal simbolo che lo trasforma in un hashtag per Twitter), sono una rete di eventi nazionali pensati per diffondere e valorizzare il nostro patrimonio artistico - culturale attraverso l'utilizzo di Internet e dei social media.
Chiunque ha la possibilità di inventarsi un appuntamento che porta a contatto con la cultura nazionale nel periodo prescelto, un semplice cittadino, ma anche un ente museale o una associazione, che in questo caso sceglie di farsi "invadere" pacificamente dai visitatori che aderiscono alla proposta pubblicata sul sito internet www.invasionidigitali.it e poi seguita su Facebook, Twitter, Youtube, Pinterest (e altri eventuali social network) da chi vi ha preso parte.
Sono sette gli eventi pianificati in Trentino, circa duecento quelli lanciati sull'intero territorio nazionale.
Per quanto riguarda la nostra provincia, uno è stato progettato dal Mart, uno da palazzo Roccabruna e cinque da privati cittadini. Il programma si apre mercoledì 24 con la visita al castello del Buonconsiglio, con diritto libero di scattare fotografie a ciò che si vuole. Il giorno successivo sono state organizzate ben quattro "invasioni digitali", ovvero una pedalata da Trento al Mart di Rovereto, la visita al museo di arte contemporanea (anche in questo caso sarà concessa libertà di catturare le immagini nelle sale), una visita a Piazza Duomo, una volta rientrati a Trento, e una a Palazzo Roccabruna. Sabato 17 sarà il Museo Diocesano a farsi invadere, domenica 28 Castel Thun in Val di Non.
Per partecipare ci si può iscrivere attraverso il sito internet dell'iniziativa, oppure attraverso la pagina speciale creata all'interno del portale di Trentino Sviluppo all'indirizzo www.social.visittrentino.it.