Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Dom12082019

Last update08:01:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Notizie dal Trentino

Contestate nuove aggravanti a Vittorio Ciccolini per l'omicidio in Val Rendena dell'ex fidanzata: minorata difesa e motivi abietti

vittorio Ciccolini-lucia-bellucci 1
Minorata difesa e motivi abietti. Sono queste le due aggravanti contestate all'avvocato Vittorio Ciccolini nell'udienza preliminare a Trento che si aggiungono a quella della premeditazione per l'omicidio dell'ex fidanzata, Lucia Bellucci, avvenuto in Val Rendena il 9 agosto 2013. Aggravanti pesanti che potrebbero, se fossero riconosciute, portare anche alla richiesta della massima pena.

Minorata difesa, perché la giovane donna sarebbe stata stata indotta a bere alcolici in modo eccessivo e l'omicida avrebbe approfittato di questa condizione. Lo stato alterato della ragazza sarebbe provato dalle analisi che hanno riscontrato un tasso alcolemico di 1.81 grammi/litro. Inoltre Lucia si sarebbe trovata nell'incapacità di difendersi anche per il fatto di essere in una strada chiusa e a causa del buio.

Motivi abietti perché Ciccolini avrebbe agito per vendetta, con un gesto di punizione perchè respinto, e non per gelosia come ipotizzato in prima battuta. Come ulteriore elemento della premeditazione è spuntato intanto uno scritto dell'avvocato in cui si racconta una storia che sembrerebbe avere dei tratti molto simili a quella che drammaticamente si è poi consumata.