Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Ven07192019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Notizie dal Trentino

1 milione 250 mila euro per sostenere le famiglie numerose. Stanziate dalla Giunta provinciale le risorse per il 2014

Trento-sede Provincia Autonoma di Trento

La Giunta provinciale ha provveduto oggi ad assegnare all'Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa le risorse per l'anno 2014 necessarie per erogare alle famiglie numerose il contributo per i costi che devono sostenere per gli oneri tariffari derivanti dagli usi domestici (acqua, luce e quant'altro), come previsto da una legge provinciale del 2011. Le risorse stanziate ammontano a 1.250.000 euro. 

L'intervento si inquadra nelle misure di welfare messe a punto dalla Provincia e viene incontro in particolare alle famiglie più numerose, per le quali può risultare particolarmente gravoso far fronte alle spese per gli usi domestici. L'erogazione del contributo previsto dalla legge 1 del 2011 spetta all'Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa, che gestisce tutte le procedure amministrative legate all'intervento.



DESTINATARI

Il richiedente deve risiedere in Provincia di Trento da almeno 3 anni continuativi al momento della domanda;
Nucleo familiare con almeno 3 figli a carico, considerando a carico anche il concepito;
Possedere un indicatore ICEF inferiore o uguale a 0,3529.
Può beneficiare dell'intervento un solo componente per nucleo familiare.

DEFINIZIONE DI FIGLIO

I figli del richiedente e del coniuge o convivente del richiedente, senza limiti di età purché risultino a carico del nucleo del richiedente avendo un reddito personale annuo inferiore ai 6000 euro. (Sommatoria dei redditi ai fini ICEF detratte le entrate non fiscali nella tabella C5).

Si considerano equiparati ai figli:

il concepito, quando la data presunta del parto è determinata entro la fine dell'anno in cui il richiedente presenta domanda;
i minori in stato di affido familiare in base a quanto previsto dall'art.4 comma 3 della legge 2 marzo 2011 n. 1;
i soggetti ad essi equiparati ai sensi della normativa regionale in materia di assegno al nucleo familiare.
I figli e gli equiparati devono risultare dallo stato famiglia del richiedente e convivere con lo stesso al momento della domanda. Per gli affidati la certificazione anagrafica può essere sostituita da una dichiarazione del servizio sociale territorialmente competente che attesti che il minore affidato abita prevalentemente presso la residenza del richiedente.

Valori del contributo
Numero di figliContributo MinimoContributo Massimo (*)
3 125,00 225,00
4 200,00 375,00
5 235,00 445,00

(*) indicatore icef pari o minore di 0,03



PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda va presentata con le modalità stabilite per la "domanda unica" e nel periodo che va dal mese di luglio al mese di dicembre con riferimento ai redditi e patrimonio dell'anno precedente.