Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar08112020

Last update12:45:14 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Il Blog di Marco Zulberti

La banca nella crisi: società o servizio?

banca-italia
La recente crisi del mercato azionario greco ha travolto il settore bancario, spina dorsale dell'economia di ogni stato moderna. La crisi delle banche greche sta di fatto mostrando come in assenza di una banca centrale nazionale e di conseguenza di una assenza di una politica monetaria nazionale le banche nell'era dell'euro sono assimilabili più a società produttive che a società addette a servizi di pubblica utilità come le società energetiche, di comunicazione e dei trasporti.

Leggi tutto...

Chi governa le banche? Al Festival dell'economia l'opinione di Profumo, Morando, Zingales

Fubini Festival Economia Trento

Uno degli incontri più attesi nell'ambito del Festival dell'Economia di Trento è stato quello che si è svolto al Teatro Sociale dove, sotto la sapiente guida di Federico Fubini giornalista di Repubblica, hanno dialogato tra loro sul tema della governance passata e futura delle banche, Alessandro Profumo, Presidente del Monte Paschi di Siena, Morando Enrico, vice ministro al ministero dell'economia del Governo Renzi e Luigi Zingales, professore di Finanza alla University of Chicago Booth School of Business.

Leggi tutto...

L'ordine politico della comunità

Adriano OlivettiLa storia ci racconta a ondate di crolli degli imperi, del sovvertimento dei regni, di rivoluzioni politiche alternati da periodi di decadenza sociale ed economica. In quelle fasi di crisi delle istituzioni forti l'essere umano si rifugia e salva nella propria comunità, dove non valgono le regole dei mercanti, degli affari finanziari e immobiliari, ma le regole della solidarietà, della carità e della speranza alla base della vita familiare e della comunità.

Leggi tutto...

La ricchezza delle nostre comunità

Adam Smith statuaIn un periodo di così forti cambiamenti economici, sociali e culturali anche nelle nostre valli e nelle nostre comunità, chi si trova alla guida amministrativa e imprenditoriale che per decenni aveva interpretato la modernità economica con gli strumenti classici della tradizione si trova spiazzato e non riesce a trovare facili soluzioni su come uscire dalla crisi, rilanciando l'economia.

Leggi tutto...

Un ricordo di Mons. Iginio Rogger


 iginio roggerLa scomparsa di Mons. Iginio Rogger in questa umida primavera del 2014 squarcia il tempo e lo spazio riportandoci al 1919, quando nasceva a Pergine, figlio primogenito di emigranti da Moerna, un paese della Val Vestino, allora Trentina, che si apprestava ad affrontare i problemi della ricostruzione e dell'emigrazione successiva alla Grande Guerra che avrebbero imposto a lui e all'economia agricola e artigianale della sua terra d'origine una metamorfosi inimmaginabile verso la modernità.

Leggi tutto...

Progetto Giudicarie

Tavodo - giudicarie

Gli articoli di Ettore Zini, Mariachiara Rizzonelli e l'intervento del "mitico" Saltaro nello scorso mese sul Giornale delle Giudicarie, intono alla necessità di una classe politica che si occupi direttamente della ripresa economica in vista delle elezioni provinciali di domenica 27 ottobre, mi hanno ispirato la necessità che la nostra terra debba pensare per la prima volta a se stessa in modo autonomo e forte rispetto alla centralità di Trento.

Leggi tutto...

La crisi chiama una nuova Autonomia


nuova autonomiaL'avvicinarsi delle elezioni provinciali vede il mondo della politica trentina riscaldarsi in attesa di definire i nuovi candidati alla successione di Lorenzo Dellai. Il momento è favorevole per un deciso ricambio generazionale dopo che una consistente pattuglia di politici trentini è discesa su Roma, sulla scia dello stesso presidente. In questa fase preparatoria, oltre ai consiglieri già presenti nel consiglio provinciale appartenenti ai vari partiti dello schieramento politico trentino, nelle valli si stanno muovendo anche i sindaci che scalpitano per farsi reclutare negli spazi vuoti lasciati liberi dalla vecchia classe politica.

Leggi tutto...

Orizzonti contrapposti. Il popolo è impazzito? No, sono le leggi che sono cattive

camera deputati

Un esempio del gioco di specchi in cui è immersa la lingua e la cultura italiana nell'attuale modernità in cui gli intellettuali, i politici e i giornalisti leggono una realtà rovesciata attraverso la lente di un fondo di bottiglia lo si comprende leggendo i commenti ai risultati elettorali. Fiumi di inchiostro su chi ha vinto, su chi ha perso, sulla necessità di andare nuovamente al voto, sulla nuova legge elettorale, e così via. Tra i commenti più controversi vi sono anche quelli fatti da una parte degli osservatori che incolpano i cittadini: gli italiani sono matti, i cittadini non comprendono la realtà, fino allo sprezzante giudizio, originato ancora nel ventennio, che è inutile tentare di governare il popolo italiano che si lascia incantare da ogni pifferaio magico.

Leggi tutto...

Tobin Tax. Tassare o regolamentare?

james tobin 3L'approvazione da parte dell'Unione Europea dell'applicazione della Tobin Tax ai mercati finanziari è stata seguita con un applauso da parte della classe politica europea che considera questo strumento, teorizzato da James Tobin professore di economia alle Yale University negli anni settanta, uno degli strumenti più importanti per la lotta contro la speculazione finanziaria e la volatilità dei mercati. La proposta di tassare dello 0.10 per cento ogni scambio di titoli e strumenti finanziari oltre a trovare alcuni paesi come l'Inghilterra completamente contrari, ha già incontrato le prime difficoltà su chi dovrebbe pagarla tra venditore e compratore.

Leggi tutto...

Quale autonomia?

Iginio Rogger-slide
Il recente riconoscimento del quinto premio internazionale "Alcide De Gasperi" all'ex premier socialista spagnolo Felipe Gonzales avvenuto il 5 settembre, anniversario della firma degli accordi presi a Parigi nel 1946 insieme a Karl Gruber gettando le fondamenta dell'attuale autonomia delle province di Trento e Bolzano, ha riacceso il tema sulla natura dell'autonomia trentina e sul suo significato.

Leggi tutto...

L'Ideologia tedesca

Karl Marx

Nel 1846 Karl Marx e Friedrich Engels redassero l'Ideologia tedesca, un'opera pubblicata postuma solo nel 1896. In quel libro i due filosofi intendevano mettere in chiaro le difficoltà della concezione ideologica della filosofia tedesca di fare i conti con la realtà. La crisi economica dovuta alla "grande industria e alla concorrenza universale" che attanagliava in quel secolo l'Europa aveva favorito una critica dell'economia politica, vista come incapace di affrontare quei problemi universali. Lo "stato moderno attraverso le imposte" era "stato a poco a poco comperato, attraverso il sistema del debito pubblico", cadendo nelle mani della proprietà privata e del credito commerciale grazie "all'ascesa o nella caduta dei titoli di Stato in Borsa". Erano gli albori dei moti del 1848.

Leggi tutto...