Notizie val Rendena

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

Mons. Bressano le autorità e gli alunni delle scuole di Mantova

C'era monsignor Luigi Bressan quest'anno, il vescovo emerito di Trento, ad accompagnare i rendenesi nel tradizionale pellegrinaggio a Mantova alla chiesa di San Martino (dove si trovano le tombe degli emigranti dalla valle con l'altare fatto costruire dalla comunità di Pinzolo nel 1600). Vi ha celebrato la messa in suffragio e in loro memoria dentro una chiesa stracolma di gente richiamando nell'omelia i valori della solidarietà verso chi è costretto a lasciare la propria terra per guadagnarsi da vivere lontano da casa. Tema più attuale che mai anche oggi. Con lui il sindaco Cereghini accompagnato dalla Giunta, Carola Ferrari che ha organizzato la trasferta insieme ad Antonio Caola, Giuseppe Ciaghi, che fu fra gli "scopritori" dell'esistenza di quell'altare una trentina d'anni or sono e fra i promotori del suo restauro con Italo Maffei dei Lustri e Gilberto Cereghini, una rappresentanza di alpini e di Schützen in divisa, il Coro parrocchiale di Sant'Antonio di Mavignola, il maestro Claudio Cominotti...

46047379 10216045822490167 1409224932126097408 n

 

Ad attenderli il sindaco di Mantova Palazzi e il sindaco di Poggio Rusco, il questore di Mantova Paolo Sartori (con padre di Caderzone) il colonnello Ricci dei Carabinieri forestali, una classe di alunni delle scuole elementari, ma soprattutto il dottor Marco Collini di Pinzolo, primario nell'ospedale di Mantova, legato come pochi alla sua terra d'origine, amante dell'arte, della storia e della cultura, di fatto "ambasciatore" di Rendena in riva al Mincio e prezioso tessitore di rapporti di amicizia fra trentini e lombardi. Nell'occasione ha diretto e moderato gli interventi delle autorità al termine del sacro rito e accompagnato i "pellegrini" nella visita al duomo di sant'Andrea e alla splendida mostra di Marc Chagall allestita nel Palazzo della Repubblica recentemente restaurato. Il tutto inframmezzato da un pranzo a base di specialità e leccornie mantovane in uno dei migliori ristoranti del centro.