Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun11192018

Last update11:27:43 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Si era recato per fare una passeggiata in una delle bellissime valli laterali della val Genova,...

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

C'era monsignor Luigi Bressan quest'anno, il vescovo emerito di Trento, ad accompagnare i...

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

«Nonostante i numerosi alberi caduti sulle piste, dopo una settimana di intenso lavoro siamo...

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani mercoledì 7 novembre è prevista la riapertura del tratto di strada statale 239 tra...

Notizie val Rendena

Crollo di un masso in Brenta alla base della parete ovest della cima degli Armi. Il video

caduta massi in brenta

La SAT sede centrale informa che a causa del recente crollo (nella mattinata del 12 agosto) che ha interessato la Vedretta degli Sfulmini, alla base della parete ovest della Cima degli Armi, lungo il primo tratto del tracciato SAT n° O305C (Via ferrata delle Bocchette Centrali) il transito è diventato problematico e pericoloso.

Si è infatti staccano un masso della dimensione di un furgone, frantumato in mille pezzi, fortunatamente in quel momento il sentiero non era interessato dal transito di escursionisti.

Quel tratto dunque va percorso con attrezzatura alpinistica da ghiaccio (piccozza e ramponi), seguendo un percorso più a sud-ovest, verso Torre di Brenta, lontano dal fronte della frana.

Il fenomeno è in continua evoluzione, in quanto legato al progressivo scioglimento del sottostante ghiacciaio. A quanti dovessero transitare in zona, si raccomanda di prestare prudenza e la massima attenzione.

Dal canto suo la SAT ha diramato un dispaccio a tutte le sezioni e tutti i rifugi della zona, che verrà situato sia sui sentieri interessati nei pressi della frana che nei rifugi della zona.