Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Ven01182019

Last update03:36:16 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
S. Antonio di Mavignola, la festa del Patrono del paese, protettore degli animali domestici accende il cuore contadino della Rendena

S. Antonio di Mavignola, la festa del Patrono del paese, protettore degli animali domestici accende il cuore contadino della Rendena

"Sotto la neve pane" recita un vecchio adagio che ricorda come la neve invernale protegga il...

Madonna di Campiglio: lo sci d'alpinismo si fa di sera, su tracciato dedicato

Madonna di Campiglio: lo sci d'alpinismo si fa di sera, su tracciato dedicato

I praticanti dello sci alpinismo crescono e le destinazioni alpine si attrezzano individuando...

Capodanno a Campiglio con Radio Deejay e fiaccolata. A Carisolo festa con Ignazio Moser & Cecilia Rodriguez. A Pinzolo megadiscoteca in Pineta

Capodanno a Campiglio con Radio Deejay e fiaccolata. A Carisolo festa con Ignazio Moser & Cecilia Rodriguez. A Pinzolo megadiscoteca in Pineta

Madonna di Campiglio in musica il 31 dicembre per la Festa di Capodanno e il 5 gennaio con Alex...

Notizie val Rendena

Tra Arte Storia e Leggenda sulle tracce della spedizione di Carlo Magno da Bergamo in Val Rendena

Affresco con Carlo Magno - Chiesa S Stefano - Carisolo Foto Luca Giarelli

Domenica 6 agosto alle ore 17 nell'antica chiesa di Santo Stefano di Carisolo nell'ambito della manifestazione Tra Arte Storia e Leggenda, organizzata dal gruppo "Per Santo Stefano",
verranno presentate le nuove ricerche su "La leggendaria spedizione di Carlo Magno" da Bergamo in valle Camonica, val di Sole e val Rendena, come raffigurata nell'affresco di Simone secondo Baschenis a cura di Luciano Imperadori.
Carlo Magno è passato veramente nelle nostre valli? E' storia o leggenda?
Così scrive nel 1786 lo storico giudicariese padre Cipriano Gnesotti nelle sue "Memorie per servire alla storia delle Giudicarie: disposte secondo l'ordine dei tempi":
"L'iscrizione e le pitture del Baschenis sono del secolo XV o XVI, ma che il pittore si sia inventata tutta l'antica iscrizione o tradizione non me lo posso immaginare o persuadere. Tanto più che anche nell'antica chiesa curaziale di Saone dedicata a San Bricio, vi si vide, circa l'anno 1766, quando venne demolita per impiegare il materiale nella nuova, si vide, dico, sotto più intonacature nell'antico muro, la immagine di Carlo Magno in atto di ossequiare santo Stefano. Riguardo alla pergamena non so facilmente immaginarmi ..... come possa essere inventata per capriccio, burla o inganno.
Io non do quel passaggio per vero. Solamente riferisco nel suo essere quello che trovo".
Analogo affresco con Carlo Magno si trovava, fino al secolo XVIII, nella chiesa di Santa Maria a Pellizzano poi andato distrutto a seguito di un incendio nel 1841. Una festa particolare: "la festa del miracolo del guanto" fu in uso a Pellizzano per molti secoli in occasione della ricorrenza della natività della Madonna.
Tre chiese e tre tappe della Leggendaria spedizione di Carlo Magno nel Trentino: Pellizzano, Santo Stefano, Saone