Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Dom10212018

Last update10:14:53 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Un maxischermo in piazza a Palermo: la 3Tre ha stregato anche la Sicilia

Un maxischermo in piazza a Palermo: la 3Tre ha stregato anche la Sicilia

La classica di Madonna di Campiglio incontra la Capitale italiana della cultura in una serata...

Elezioni provinciali, mercoledì 17 ottobre a Spiazzo un incontro con i candidati della Val Rendena

Elezioni provinciali, mercoledì 17 ottobre a Spiazzo un incontro con i candidati della Val Rendena

L' APS La Giovane Rendena organizza mercoledì 17 ottobre alle ore 20.30 una serata di DIBATTITO...

Tajani a Pinzolo a sostegno di Bruna Cunaccia

Tajani a Pinzolo a sostegno di Bruna Cunaccia

Sabato 13 ottobre, il Presidente del Parlamento Europeo e Vice Presidente di Fi, Antonio...

A Darè, Musica, immagini e parole. In... canti di Rendena: un CD e una serata per celebrare il 65esimo anniversario del Coro Carè Alto

A Darè, Musica, immagini e parole. In... canti di Rendena: un CD e una serata per celebrare il 65esimo anniversario del Coro Carè Alto

Nell'86 il vinile "L'amicizia", nel '95 il CD "L'eco di una valle" ora la presentazione della...

Notizie val Rendena

Kunst im Keller, a Pelugo aperta fino al 26 agosto la mostra dedicata a Robert Nodari

Cantina 1

E' stata inaugurata il 12 agosto, in una suggestiva cantina storica del 1750 nel cuore di Pelugo, la mostra "Non c'è due senza tre" dedicata all'artista Robert Nodari.
Un omaggio che la moglie Franziska vuole fare alla comunità di Pelugo e, più in generale, a quella delle Giudicarie in nome del forte legame che il marito, scomparso prematuramente, ha da sempre avuto con questi luoghi, da lui considerati "incantevoli".
Una mostra che testimonia la profonda vicinanza del pittore viennese al Trentino e al piccolo paese di montagna in cui è nato il padre e in cui lui stesso ha vissuto parte della propria esistenza, un territorio da lui considerato "casa" e allo stesso tempo importante fonte di ispirazione per i propri dipinti, un riferimento affettivo che si è trasformato in arte grazie alla sua sensibilità e al suo talento.
Un artista che, ad un certo punto della propria vita, ha sentito il bisogno di lasciare la città per immergersi nella natura incontaminata delle nostre valli, con la propria tavolozza e lo zaino pieno di colori, a rappresentarne la bellezza e a ricercarne la luce, quella luce che troviamo nei suoi quadri dipinti a cielo aperto, che appaiono come una dichiarazione d'amore per i paesaggi a lui cari, custodi delle proprie radici.
Un amore e una luce che si possono scorgere oggi negli occhi di Franziska, che ha il piacere di accogliere tutti coloro che avranno la curiosità di voler conoscere e condividere questo suo mondo intimo, fatto di arte e di preziosi ricordi.
La mostra è aperta tutti i pomeriggi, dalle ore 16 alle ore 19, e si protrarrà fino al 26 agosto.

KUNST IM KELLER1