Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Ven04262019

Last update09:38:01 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

Vigo Rendena, 1999 metri quadrati di area verde in area residenziale con una contropartita quasi nulla. L'accusa di Marco Loranzi all'amministrazione

Casa Terre Comuni - novembre 2015 b 

Clima infuocato a Vigo Rendena nell'ultimo Consiglio Comunale. Ad infiammare gli animi il punto 7 all'ordine del giorno "Approvazione preliminare variante al PRG e recepimento accordo pubblico-privato fra il Comune di Vigo Rendena e la Società Gildo Group srl, Immobiliare Fiorenza srl e Terre Comuni scarl", che a detta del consigliere di minoranza Marco Loranzi in estrema sintesi prevedeva «la trasformazione di 1999 metri quadrati di area verde in area residenziale a beneficio di privati con una contropartita per il comune quasi nulla».
L'area in questione è quella adiacente all'ex Hotel Parco Estense ora Casa Terre Comuni, ed in particolare interessa  la fascia a monte della struttura ricettiva che separa la stessa dalla strada.
Un'opinione quella del consigliere Marco Loranzi motivata dal seguente ragionamento: «Con questa trasformazione l'area dei privati acquista un notevole valore quantificabile in oltre 450 mila euro (1999 mq x 230.000€/mq. = € 459.770,00). Al comune invece si ipotizza una contropartita di 7925 euro desunta dai seguenti benefici così quantificati.
- 240 mq. di zona di rispetto stradale lungo la SS 239 per Madonna di Campiglio che commercialmente può valere indicativamente circa 10 €/mq. Per un totale di circa € 2.400,00;
- L'urbanizzazione del Parco Grotta con un valore pari ad 0,00., Urbanizzazione che inoltre alle società non costa quasi nulla dato che devono portarla per l'edificazione dei sui lotti fino al confine del parco grotta compresa la strada. Il problema, come ben sappiamo, è che il parco grotta il Comune di Vigo Rendena non lo utilizzerà mai ai fini edificatori in quanto zona improponibile in quanto area a moderata pericolosità geologica. Inoltre «Se anche il Comune volesse avere un accesso ciò lo può tranquillamente creare se non mediante accordo bonario mediante esproprio o creazione di servitù lungo il tracciato della pista in essere che partendo dalla proprietà di Celestino Dorna raggiunge il parco stesso. Lunghezza strada circa 35 ml., larghezza 5 ml. Per un totale di mq. 175 che moltiplicandoli per un valore stabilito dalla PAT ex lege 6/93 di circa 6 €/mq e ridotti ad 1/3 perché servitù ne uscirebbe un valore di circa 525.00 €;
- La redazione del piano commerciale in formato tools per un valore di circa 5.000 €;
- Sommando il tutto ne uscirebbe un valore di contropartita di € 7.925,00 circa;
Come si vede il rapporto è insostenibile» sbotta Loranzi che aggiunge: «Il problema è che la Società Terre Comuni a suo tempo avrebbe acquistato l'ex Albergo Parco Estense a condizione che la Giunta avesse fatto tale trasformazione urbanistica e la Giunta si impegnò in tal senso. Il problema è che adesso l'accordo va ratificato dal Consiglio, consiglio che vede membri in disaccordo anche tra le fila della maggioranza».
Per ora sul punto nulla di fatto, in quanto sospeso, si tratterà nel prossimo Consiglio dove si vedrà se il Sindaco Ezio Loranzi avrà i numeri per approvarlo.