Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar06192018

Last update11:12:08 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Pinzolo, al Rustik nuova gestione con Claudio, Roberta e Alba

Pinzolo, al Rustik nuova gestione con Claudio, Roberta e Alba

  Più che di un "cambio di gestione", si è trattato di un "passaggio di consegne" in nome...

Dolomiti Natural Wellness:  inaugurato in Val Brenta il nuovo progetto dedicato al benessere nella natura

Dolomiti Natural Wellness: inaugurato in Val Brenta il nuovo progetto dedicato al benessere nella natura

È stata la Val Brenta il palcoscenico naturale scelto per l'inaugurazione del "Dolomiti Natural...

Finalmente qualcuno s'è mosso! La lettera di Michele Cereghini

Finalmente qualcuno s'è mosso! La lettera di Michele Cereghini

Sarà per il recente pensionamento del nostro valligiano Mario Maestranzi o per le diatribe che...

S. Antonio di Mavignola,  anche l'orso sul percorso della Dolomitica Brenta Bike. Il video girato dagli organizzatori

S. Antonio di Mavignola, anche l'orso sul percorso della Dolomitica Brenta Bike. Il video girato dagli organizzatori

Stavano segnando il percorso della Dolomitica Brenta Bike Marathon, la gara di Mountain bike...

Notizie val Rendena

Il Poligono Giapponese, un ospite indesiderato del Parco Naturale Adamello Brenta

poligono del giappone

Si chiama " Poligono Giapponese " ( Fallopia Japonica ) , in Inghilterra è reato anche solo sfalciarla perchè si riproduce dai minuscoli frammenti.
Stiamo parlando di una pianta o meglio dell' Attilia vegetale, che purtroppo si è insidiata anche nel parco Adamello Brenta " senza un permesso di soggiorno ".
Eradicare tale pianta sembra sia difficile se non impossibile, è in atto un progetto pilota nel comune di Pelugo, in collaborazione con il parco naturale, di estirpazione e bruciatura di un perimetro d'area nelle vicinanze del fiume sarca, ma al momento senza alcun significativo risultato.
La pianta ha caratteristiche uniche, riesce a crescere di tre metri in brevissimo tempo e si insidia nel sottosuolo come una trivella per decine di metri sia in verticale che orizzontale, è probabilmente la pianta più produttiva della flora temperata, dove c'è lei nulla più cresce, riesce a soppiantare altre specie vegetali autoctone, sa resistere ad ogni diserbante, insomma , uno scenario da fantascienza.
Essa attenta alla biodiversità unica del Trentino e addirittura alla stabilità del suolo, sensibilizzare tutta la popolazione con corsi di informazione prima che la diffusione sia incontrollabile è un obbligo morale.

P.S. 1 Chiunque riconosca la pianta è caldeggiato ( meglio obbligato ) a segnalare alle autorità competenti : Corpo Forestale , Parco Adamello Brenta, amministrazioni comunali.

P.S.2 Si è già insidiata in molte zone della Val Rendena , pure nei centri urbani ( ad esempio a Massimeno paese ).
Personalmente ho notato la pianta in una 15 di punti lungo la dorsale della Rendena.