Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar01222019

Last update08:25:20 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Pinzolo: Facchini doma la Tulot e vince la Vertical Up. L'austriaca Marlies Penker prima tra le donne

Pinzolo: Facchini doma la Tulot e vince la Vertical Up. L'austriaca Marlies Penker prima tra le donne

Una splendida notte di luna piena ha fatto da suggestiva cornice alla quarta edizione della...

S. Antonio di Mavignola, la festa del Patrono del paese, protettore degli animali domestici accende il cuore contadino della Rendena

S. Antonio di Mavignola, la festa del Patrono del paese, protettore degli animali domestici accende il cuore contadino della Rendena

"Sotto la neve pane" recita un vecchio adagio che ricorda come la neve invernale protegga il...

Madonna di Campiglio: lo sci d'alpinismo si fa di sera, su tracciato dedicato

Madonna di Campiglio: lo sci d'alpinismo si fa di sera, su tracciato dedicato

I praticanti dello sci alpinismo crescono e le destinazioni alpine si attrezzano individuando...

Notizie val Rendena

Ponte di Strembo: via libera al progetto esecutivo di ripristino e avvio dei lavori a metà gennaio

ponte strembo val RendenaApprovato nei giorni scorsi dalla Conferenza dei Servizi il progetto esecutivo riguardante il ripristino della funzionalità del ponte sul fiume Sarca, sulla statale 239 di Campiglio, tra gli abitati di Strembo e Bocenago, chiuso il 9 agosto scorso per un cedimento dei tiranti di ancoraggio. I lavori partiranno, compatibilmente con le condizioni meteoclimatiche della zona, già a partire dalla seconda metà del mese di gennaio 2018.

Il progetto esecutivo prevede il ripristino del vincolo tra l'impalcato e la zavorra di fondazione del viadotto sul Sarca. La sua approvazione costituiva l'ultimo passaggio amministrativo necessario prima dell'avvio dei lavori. Come si ricorderà, lo scorso agosto si era verificato un cedimento dei tiranti di ancoraggio del viadotto in corrispondenza della spalla Sud, che aveva compromesso la sicurezza del manufatto.

L'intervento previsto consiste nella realizzazione di una nuova struttura metallica di contrasto ancorata alla zavorra di fondazione e all'impalcato, che renderà possibile l'impiego di martinetti idraulici al fine di ripristinare le condizioni originali del vincolo e quindi la integrale funzionalità del ponte. La messa in contrasto definitiva dell'opera sarà garantita dalla posa di nuovi appoggi in neoprene armato.

Le lavorazioni saranno avviate, compatibilmente con le condizioni meteoclimatiche della zona, già a partire dalla seconda metà del mese di gennaio 2018. Il ponte ha una decina di anni di vita, misura in tutto circa 150 metri ed è a tre campate: una principale, di circa 90 metri, più due laterali di circa 15 e 46 metri.