Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun07162018

Last update10:15:02 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Cena con vista cascata o vista orso?... solo al Ristorante Cascate Nardis

Cena con vista cascata o vista orso?... solo al Ristorante Cascate Nardis

È diventato un ospite assiduo. Ogni pochi giorni si fa vedere nei dintorni della cascate...

A Spiazzo, grande successo per il primo Raduno internazionale degli arrotini

A Spiazzo, grande successo per il primo Raduno internazionale degli arrotini

A Spiazzo... "è arrivato l'arrotino"!A ritmare il weekend nel piccolo borgo della Val Rendena è...

Con la Pro Loco GS Mavignola, un'estate tutta da vivere

Con la Pro Loco GS Mavignola, un'estate tutta da vivere

Il piccolo, suggestivo borgo di S. Antonio di Mavignola è un luogo molto speciale, non solo per...

Notizie val Rendena

Finalmente qualcuno s'è mosso! La lettera di Michele Cereghini

FB IMG 1529089154935

Sarà per il recente pensionamento del nostro valligiano Mario Maestranzi o per le diatribe che stanno lacerando la maggioranza provinciale in vista delle elezioni autunnali o per qualche altro motivo che sfugge all'umana comprensione: sta di fatto che il tratto di strada statale (oooops provinciale!) oltre l'abitato di Mortaso in direzione di Pinzolo è letteralmente abbandonato a sé stesso. I segnalimiti della carreggiata sono stati inghiottiti dall'erba cresciuta a dismisura in questa primavera piovosa e le due aiuole poste all'interno delle rotatorie di Strembo e Caderzone hanno un aspetto penoso.

Quel che è ancora più strano è che alcuni tratti della rete stradale della Provincia (ad esempio Sesena) sono stati oggetto della necessaria manutenzione; l'alta Rendena no! Anche l'inizio della stagione turistica non è stato sufficiente a smuovere chi di dovere!

Di fronte all'assoluto immobilismo di chi avrebbe l'obbligo di prendersi cura del problema, Sandro Ducoli, assessore del Comune di Strembo, ha rotto gli indugi e, armato di mezzi propri, ha proceduto al taglio dell'erba nell'aiuola all'entrata del suo paese.

Complimenti Sandro, ti sei guadagnato un plauso da parte di tutti noi.
Speriamo che ora gli organi preposti (e remunerati all'uopo) provvedano a completare il lavoro iniziato perché ce n'è estremo bisogno!

Michele Cereghini