Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun11192018

Last update11:27:43 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Si era recato per fare una passeggiata in una delle bellissime valli laterali della val Genova,...

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

C'era monsignor Luigi Bressan quest'anno, il vescovo emerito di Trento, ad accompagnare i...

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

«Nonostante i numerosi alberi caduti sulle piste, dopo una settimana di intenso lavoro siamo...

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani mercoledì 7 novembre è prevista la riapertura del tratto di strada statale 239 tra...

Notizie val Rendena

8.000 visitatori alla 32^ edizione di Vecchia Rendena come eravamo, quattro passi fra vecchi mestieri e usanze

AP Vecchia Rendena 2018 018 - 2

Un successo. Difficile definire altrimenti la 32esima edizione della manifestazione "Vecchia Rendena... come eravamo... quattro passi fra vecchi mestieri e usanze" che questo pomeriggio, mercoledì 15 agosto, complice una bella e calda giornata di sole, ha portato nel piccolo borgo di Bocenago, in Val Rendena, circa 8 mila visitatori.
Un evento che, dalle 15:00 alle 19:00 ha riportato il paese agli inizi del Novecento. Nessuna insegna luminosa, niente macchine e nessun cartello stradale. A scandire la giornata solo il rumore degli attrezzi, il vociare dei passanti e il brusio delle genti di montagna al lavoro. Una giornata di festa in occasione della Sagra paesana allietata dal canto delle lavandaie, il suono della "racola" e le note della banda.

Soddisfazione dunque da parte dei promotori dell'evento «dopo 32 anni - sottolinea il sindaco, Walter Ferrazza - arrivare a questi numeri e sapere di riuscire ad attirare ancora così tanta gente è sicuramente un record».
Arrotini, lavandaie, carbonai e ancora casari, cacciatori e portatrici d'assi tra le vie e i vòlt del paese per valorizzare la cultura agro-silvo-pastorale alpina. «Un successo – sottolinea il primo cittadino, Walter Ferrazza – anche quest'anno il tempo ci ha graziato e, programmando un evento all'esterno questo è fondamentale».
Un vero e proprio "tuffo" nel passato - organizzato dal Comitato Vecchia Rendena, dalla Pro Loco Bocenago e dal Comune - che ha visto la presenza di circa 200 figuranti impegnati in una sessantina di "vecchi" mestieri.
A ritmare le ore anche gli spari – a salve - dal fortino austriaco «visto – aggiunge Ferrazza – che eravamo una regione "particolare" anche nella prima Guerra Mondiale abbiamo voluto rappresentare sia i soldati austriaci che quelli italiani».
La formula ormai è consolidata e la macchina ben oliata «sono oltre 300 i volontari che – prosegue il sindaco – permettono la realizzazione di questa grande manifestazione ed un grazie va in primis a loro, oltre che ai volontari dei Corpi dei Vigili del Fuoco di Strembo, Spiazzo Rendena e Caderzone Terme che ci supportano».
A tutti gli effetti una "Festa dell'etnografia trentina" di cui, commenta Ferrazza «non possiamo che essere orgogliosi perché siamo convinti che conoscere e rispettare il passato sia fondamentale per poter crescere e credere nel futuro».
Non solo però una rievocazione di antichi mestieri, la volontà è infatti quella di dare la possibilità al visitatore di vivere una singolare esperienza multisensoriale. Dal profumo di fieno e legno all'aroma di caffè. Immancabile e sempre molto apprezzata la degustazione di piatti e prodotti tipici: lunghe le code per assaggiare la polenta, la strinadina, il patugol, la Spressa e i canedarli.
«Veniamo quasi tutti gli anni – sottolineano all'unisono turisti e residenti – ma è sempre un piacere partecipare a questo evento».
A scandire il pomeriggio un ricco ventaglio di appuntamenti tra cui la sfilata della Banda comunale di Caderzone Terme, i balli con il Gruppo asburgico la manovra dei Vigili del Fuoco con una vecchia pompa a mano e i secchi in tela e il Concerto di campane.