Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar11212017

Last update09:19:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel Parco Naturale Adamello Brenta

Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel Parco Naturale Adamello Brenta

Prosegue l'attività di ricerca scientifica nell'ambito del progetto di monitoraggio...

Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e Ritort i luoghi prescelti

Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e Ritort i luoghi prescelti

Ambiente Trentino in collaborazione con il Parco Naturale Adamello Brenta, Fujifilm, Trentino...

Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

  Complici un autunno meraviglioso che ha tutta l'intenzione di farsi ricordare e un...

Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello Brenta da un Team  guidato da Corrado Ceschinelli

Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello Brenta da un Team guidato da Corrado Ceschinelli

Da un parco che propone un modello sostenibile di Turismo ad un Parco che propone un ambiente...

  • Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel Parco Naturale Adamello Brenta

    Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel...

    Lunedì, 06 Novembre 2017 17:25
  • Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e Ritort i luoghi prescelti

    Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e...

    Venerdì, 27 Ottobre 2017 16:16
  • Mobilità sostenibile del Parco Naturale Adamello Brenta, boom di accessi:   17% di veicoli in più nelle valli e + 11% di persone trasportate, rispetto al 2016

    Mobilità sostenibile del Parco Naturale Adamello Brenta, boom di accessi: 17% di veicoli in più...

    Mercoledì, 25 Ottobre 2017 14:45
  • Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

    Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

    Mercoledì, 11 Ottobre 2017 16:01
  • Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello Brenta da un Team  guidato da Corrado Ceschinelli

    Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello...

    Martedì, 10 Ottobre 2017 09:55

"La Giunta del Parco è completamente contraria all'ampliamento dell'area sciistica dei Seròdoli!": Lo ha affermato il presidente Antonio Caola a Strembo nella assemblea generale dell'ente

ampliamento area sciabile serodoli-madonna di campiglio-no-del-parco

"La Giunta del Parco è completamente contraria all'ampliamento dell'area sciistica dei Seròdoli!" ha precisato il presidente Antonio Caola ai 43 consiglieri venuti a Strembo dai comuni proprietari delle zone che lo costituiscono per l'assemblea generale dell'ente. "Ci tengo a ribadire il concetto, perché sembra si voglia far credere che la Comunità delle Giudicarie, d'accordo con noi, abbia dato l'incarico di effettuare un'analisi approfondita del problema ad Agenzia 21, la medesima che aveva redatto il Piano Paesaggistico del Parco. Noi oggi siamo contrari; in passato avevamo espresso tutte le nostre perplessità sull'argomento, ora ci troviamo tutti d'accordo a far valere le nostre ragioni, quelle della salvaguardia ambientale. Se la Comunità di valle, con soldi suoi, ha finanziato quello studio, non significa che noi lo condivideremo".

Leggi tutto...

6° premio per le tesi di laurea sul Parco Naturale Adamello Brenta. Il bando sul sito www.pnab.it, la consegna entro il 15 novembre 2013

parco naturale adamello brenta 2

Il Parco Naturale Adamello Brenta bandisce un premio per le tesi di laurea/dottorato riguardanti l'area protetta. La partecipazione è aperta a tutti i laureati/dottori di ricerca delle Università italiane che, alla data del 31 ottobre 2013, abbiano discusso la propria tesi analizzando tematiche di carattere ecologico, ambientale, storico e socio-economico relative al territorio del Parco. Le tesi, che possono essere state discusse anche negli anni passati ma non devono aver già preso parte ai precedenti "premi tesi di laurea", dovranno pervenire al Parco entro il 15 novembre prossimo.

Leggi tutto...

Catturato e radiocollarato un orso sul Monte Bondone. L'operazione del Servizio Foreste e fauna all'alba di stamane

la fase di sedazione dellorso sul Bondone 1

Questa mattina, poco prima dell'alba, personale del Servizio Foreste e fauna della Provincia autonoma di Trento ha catturato sul monte Bondone un esemplare di orso maschio, adulto, del peso di 207 kg, allo scopo di dotarlo di radiocollare GPS e VHF ed intensificarne il monitoraggio. L'identità precisa dell'animale sarà nota nel giro di un paio di settimane grazie alle analisi genetiche.

Leggi tutto...

VAL GENOVA. Da sabato 22 giugno parte il servizio mobilità in Val Genova gestito dal Parco naturale Adamello Brenta

malga bedole val Genova  

Entrerà in funzione sabato 22 giugno l'apparato che disciplina il traffico veicolare in Val Genova, organizzato e gestito dal Parco Naturale Adamello Brenta mediante i mezzi di Trentino Trasporti, servizio mobilità istituito dal Comune di Strembo nella seduta di consiglio di mercoledì sera, cui è seguita una delibera di Giunta che ha stabilito sia il costo dei biglietti del mezzo pubblico sia le tariffe dei parcheggi a pagamento dislocati lungo il percorso.

Leggi tutto...

Orsi in amore: online il video che riprende i plantigradi accoppiarsi nelle Dolomiti di Brenta

orsobruno  TrentinoIn un video curato dalla Provincia autonoma di Trento due orsi in amore: il video che riprende i plantigradi accoppiarsi nelle Dolomiti di Brenta nel mese di maggio (unico mese degli amori)  è un documento prezioso di quanto l'orso si è ambientato nel Parco Naturale Adamello Brenta. 

 

 

 

 

VAL GENOVA. Nuova passerella pedonale sulla Sarca. Permetterà un comodo accesso all'altra sponda del fiume in prossimità del rifugio Fontana Bona

Sarca di Genova

Proprio in cima a Scala di bò, a quota 1083 s.l.m, all'imbocco del piano che immette al rifugio di Fontana Bona, verrà realizzata una passerella pedonale sulla Sarca. A costruirla sarà l'ente Parco Adamello Brenta, che ha ottenuto il benestare del Servizio Bacini Montani della Pat proprio in questi giorni con l'impegno di ultimarlo entro il dicembre del 2016. Si tratta di un intervento auspicato da gran tempo. Consente a quanti frequentano la zona e agli ospiti del rifugio di portarsi in sponda destra del torrente senza costringerli al lungo giro fino a Ponte verde nella Piana di Santa Maria o ad uno, altrettanto lungo, per attraversare dalla passerella che mena in Val Siniciaga a valle di Scala di bò.

Leggi tutto...

Il Cammino dell'Acqua con i Maya, i Mapuche e i colombiani del Quimbo nel Parco Adamello Brenta

acqua bene comune

Dopo un anno, tornano a visitare le nostre montagne i rappresentanti dei popoli indigeni latinoamericani. Il 6 maggio nel Parco Adamello Brenta, insieme agli insegnanti ed agli alunni dell'Istituto L.Guetti di Tione e agli esperti del Parco, scopriremo le loro antiche cosmogonie e i nuovi conflitti ambientali che li minacciano.
Dopo le "Settimane di Yaku", ciclo di incontri nelle scuole trentine sulla difesa dell'acqua e sul riconoscimento dei beni comuni, camminiamo insieme nella natura per ascoltare le testimonianze dei popoli che da millenni lottano per difendere ecosistemi e corsi d'acqua in nome della Madre Terra.

Leggi tutto...

Parco naturale Adamello Brenta: presentate le due guide di Giuseppe Gorfer e di Vincenzo Zubani sui luoghi della grande guerra Carè Alto-Pozzoni e Val Genova

guide del Parco Guerra Bianca  zubani e Gorfer
"Un tempo il confine fra l'Italia e l'Impero austro-ungarico correva su queste montagne, oggi invece non ci sono più confini, sono diventati assolutamente permeabili". È con queste parole che ieri sera il presidente della Provincia autonoma di Trento, Alberto Pacher, è intervenuto a Giustino, in un affollato teatro sociale, alla presentazione delle nuove guide del parco sui luoghi della Grande Guerra, Carè Alto-Pozzoni e Val Genova. Le due guide dedicate ai percorsi della memoria sono state realizzata dal Parco Adamello – Brenta, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni architettonici ed archeologici e dal Comune di Giustino, con il contributo della Caritro. Ad affiancare il presidente, vi erano gli amministratori del Comune, Luigi Tisi e Loris Tisi rispettivamente sindaco e vicesindaco, nonché Roberto Zoanetti, direttore del parco, con il presidente Antonio Caola.

Leggi tutto...

"I valori del Parco oltre il Parco", molti gli spunti emersi dal seminario

Parco Naturale adamello Brenta seminario Valori ParcoMolteplici sono stati gli spunti di riflessione emersi dal seminario "I valori del Parco oltre il Parco" che si è tenuto venerdì scorso a Caderzone Terme presso il Palazzo Lodron Bertelli. Protagoniste assolute le parole valore e paesaggio nelle loro diverse accezioni. «L'azione del Parco – ha detto il presidente Antonio Caola - dev'essere quella di tutelare e promuovere il territorio che ci ospita, nell'ottica di una valorizzazione anche dei rapporti umani tra residenti e turisti». Sostiene la testi del presidente anche l'Assessore provinciale Franco Panizza, il quale sottolinea l'importanza e il ruolo delle aree protette nell'ottica del mantenimento di un territorio tutelato da un lato, ma laboratorio e sperimentatore di buone pratiche dall'altro.
Si entra nel vivo degli argomenti con le successive relazioni, a partire dal direttore Roberto Zoanetti. «Tre sono gli elementi che contraddistinguono l'azione di un'area protetta – afferma Zoanetti - l'interesse e la funzione pubblica che interessano sia funzioni più istituzionali sia responsabilità in ambito economico e sociale, e la spesa pubblica, nota dolente visto il momento di forte crisi che stiamo attraversando. Dobbiamo investire, ancora di più, sul rapporto di partenariato con i soggetti locali elaborando proposte "bottom up" qualificate e condivise, in grado di aumentare la capacità di autofinanziamento dei nostri enti».
Di conservazione attiva e gestione strategica del territorio, mettendo in risalto come le aree protette non rapprestino un costo, ma un investimento altamente remunerativo, ha parlato Giampiero Sammuri, presidente nazionale di Federparchi, dibattendo ampiamente su come una politica basata sui soli tagli non porti ad alcun vantaggio economico se non nel breve periodo, a discapito, nel lungo periodo, della qualità delle azioni. Luca Dalla Libera, di Agenda 21 consulting e Rocco Scolozzi, ricercatore in ecologia applicata e valutazione ambientale, hanno illustrato il lavoro svolto dal Parco sul paesaggio e i servizi ecosistemici presentando il punto di vista dei residente e dei turisti. Paesaggio nelle sue diverse accezioni: paesaggio come benessere ed emozioni che comunica armonia e tranquillità, come panorama e spettacolarità, ma anche paesaggio "non solo come cartolina" ma inteso nel suo valore di "vivibilità" quindi generatore di economia locale.
Chiude il ciclo di interventi Romano Stanchina, dirigente del Servizio Turismo della PAT, mettendo ulteriore carne al fuoco. «L'ambiente, come sottolineato anche dall'assessore provinciale Tiziano Mellarini in occasione della conferenza provinciale sul turismo di Levico Terme, rappresenta la principale motivazione di vacanza per il nostro ospite - afferma Stanchina, fornendo alcuni dati specifici relativi alle aree protette; il 63,8% degli intervistati dichiara di essere stato influenzato nella sua scelta di vacanza anche dalla presenza del Parco, per il 13,8% di questi la presenza del Parco è stata addirittura determinante nella scelta della vacanza. Sulla base dei dati elaborati su un campione di intervistati negli uffici informazioni delle ApT nel triennio 2009-2011, è possibile tentare una stima dell'incidenza del fattore "parco" nel fatturato turistico dell'ambito territoriale. Il numero di turisti degli ambiti comprendenti i 3 parchi che non sarebbero venuti in vacanza in Trentino, senza la presenza dei parchi, sono circa 100.000 (su oltre 900.000 arrivi negli stessi ambiti) per un numero di pernottamenti pari 860.000 (su 8,3 mln totali). Considerando la spesa media giornaliera del turista estivo (80 €) il fatturato turistico "determinato" dai parchi è stato calcolato in circa 70 mln di euro proveniente da turisti con motivazione esclusiva "parco" e circa 300 mln di euro da turisti con motivazione "parco" non esclusiva, ma influente. Guardando all'ambito Rendena il valore del parco è stato stimato in circa 23 mln di euro aggiuntivi (considerando il Parco come motivazione "esclusiva").
Senza contare, infine, i ritorni in termini di immagine complessiva per tutto il Trentino dovuti a valenze distintive dei parchi (la foresta di Paneveggio, l'orso del Brenta, ecc.).
Il bilancio della giornata è stato certamente positivo, a testimonianza di come i parchi, e nel caso specifico il Parco Naturale Adamello Brenta, rappresenti davvero un valore "anche economico" sul quale investire.