Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Dom09222019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione provinciale per mettere in sicurezza la strada che...

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

«E' in arrivo una forte nevicata ma non preoccupiamoci per gli animali selvatici! Quando...

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha iniziato il nuovo anno con un appello per incoraggiare una...

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta si è riunito lunedì 17 dicembre 2018,...

  • Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Mercoledì, 06 Febbraio 2019 09:26
  • Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

    Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e...

    Venerdì, 01 Febbraio 2019 08:09
  • Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari  finalizzati a conformarsi alle normative e a garantire condizioni di lavoro adeguate

    Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari ...

    Sabato, 26 Gennaio 2019 10:27
  • Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

    Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono...

    Mercoledì, 16 Gennaio 2019 21:18
  • Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

    Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di...

    Martedì, 18 Dicembre 2018 21:01

Un orso si prepara la tana prima di andare in letargo. Lo straordinario video di Angelo Caliari

Orso si prepara la tana - video di Angelo Caliari - convivere con lorso nelle alpi

 

Un altro splendido contributo dal gruppo  "Convivere con l'orso sulle Alpi" grazie ad un filmato inedito veramente interessante che coglie un momento importante della vita dell'orso: la preoparazione della tana prima di andare in letargo. Questo il messaggio che accompagna il video.

«In questo breve ma splendido video, l'amico Angelo Caliari ha ripreso, a inizio inverno, un orso all'ingresso della cavità naturale dove ora sta svernando. L'orso (potrebbe essere una femmina adulta. Chissà...) trascina dell'erba secca che ha pazientemente raccolto nei dintorni: in questo caso ha curato con particolare attenzione l'allestimento del giaciglio, raccogliendo materiale per settimane, tra un pisolino e l'altro.
L'osservazione non è casuale: Angelo ha scoperto la "tana potenziale" nel 2009, e da allora l'ha tenuta costantemente osservata. Nell'agosto 2012 un orso ha scavato sul fondo della piccola grotta; quest'anno, all'ennesimo controllo con il cannocchiale, la lieta sorpresa. Grazie Angelo e...sogni d'oro orso!

NB: lo svernamento è una fase particolarmente delicata per l'orso. Ogni disturbo in questa fase è assolutamente da evitare. Le riprese in oggetto sono state fatte da lontano, con l'ausilio di potenti ottiche».