Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar06182019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione provinciale per mettere in sicurezza la strada che...

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

«E' in arrivo una forte nevicata ma non preoccupiamoci per gli animali selvatici! Quando...

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha iniziato il nuovo anno con un appello per incoraggiare una...

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta si è riunito lunedì 17 dicembre 2018,...

  • Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Mercoledì, 06 Febbraio 2019 09:26
  • Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

    Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e...

    Venerdì, 01 Febbraio 2019 08:09
  • Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari  finalizzati a conformarsi alle normative e a garantire condizioni di lavoro adeguate

    Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari ...

    Sabato, 26 Gennaio 2019 10:27
  • Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

    Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono...

    Mercoledì, 16 Gennaio 2019 21:18
  • Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

    Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di...

    Martedì, 18 Dicembre 2018 21:01

Raccolta illecita di reperti bellici della Guerra Adamellina, denunciate 4 persone grazie all'azione del Corpo forestale trentino. Rischiano da due a 10 anni di reclusione

Raccolta illecita di reperti bellici della Guerra Adamellina denunciate 4 persone grazie allazione del Corpo forestale trentino. Rischiano da due a 10 anni di reclusione 2

In questo periodo dell'anno in cui i ghiacciai stanno raggiungendo il massimo ritiro dovuto alle temperature estive, il personale dell'Ufficio Distrettuale di Tione del Corpo forestale provinciale ha svolto numerosi servizi di controllo e vigilanza nei territori di alta montagna in prossimità dei ghiacciai nella zona del Carè Alto e delle Lobbie, per contrastare la raccolta illecita di reperti bellici della prima guerra mondiale. Il personale appartenente alle Stazioni forestali di Tione di Trento, Spiazzo, Pinzolo e Borgo Chiese, ha potuto contare anche sulla collaborazione del Nucleo Elicotteri della Provincia. I controlli si sono tradotti in sequestri di materiale e in denunce.

Nel corso di vari pattugliamenti sono state fermate ed identificate, l'8 settembre scorso, a quota 3.000 metri, sul ghiacciaio di Lares nel comune di Massimeno, area posta all'interno del Parco Naturale Adamello-Brenta, due persone residenti in provincia di Treviso, intente a ricercare e raccogliere reperti bellici. Questi avevano raccolto e stavano portando con i propri zaini circa 30 chilogrammi di materiale vario tra cui 5 bombe a mano, 150 cartucce cariche di fucile austriaco, proiettili di artiglieria calibro 65 oltre ad altre 9 testate di proiettili di artiglieria di varie dimensioni. Dopo gli accertamenti di rito, i due sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trento e rischiano una pena che va da due a dieci anni di reclusione. Il materiale rinvenuto è stato poi sottoposto a sequestro penale su disposizione del Pubblico ministero, e messo in sicurezza.
Un' altra operazione è stata condotta il giorno 9 settembre sulla vedretta del Lares dove è stato fermato un uomo residente in provincia di Modena intento a raccogliere vario materiale restituito dal ghiacciaio tra cui schegge di bombe, scatolette ed altro.

Raccolta illecita di reperti bellici della Guerra Adamellina denunciate 4 persone grazie allazione del Corpo forestale trentino. Rischiano da due a 10 anni di reclusione

Il 10 settembre infine gli agenti forestali, coadiuvati dal custode forestale di zona, hanno fermato in Val di Borzago un uomo residente in provincia di Brescia, già denunciato in passato per reati inerenti alla raccolta e porto di reperti bellici, intento a trasportare materiale risalente alla Grande Guerra, asportato in precedenza dal ghiacciaio del Carè Alto. Anche questo materiale è stato sequestrato e successivamente consegnato al Museo della Guerra Adamellina di Spiazzo.

Oltre alla denuncia penale che ha fatto seguito alla prima operazione, in tutte e tre sono state contestate anche violazioni amministrative. I servizi di vigilanza proseguiranno fino a quando non avverrà il cambio di stagione. Con le prime nevicate saranno nuovamente custoditi i reperti di 100 anni fa.