Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio06202019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione provinciale per mettere in sicurezza la strada che...

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

«E' in arrivo una forte nevicata ma non preoccupiamoci per gli animali selvatici! Quando...

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha iniziato il nuovo anno con un appello per incoraggiare una...

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta si è riunito lunedì 17 dicembre 2018,...

  • Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Mercoledì, 06 Febbraio 2019 09:26
  • Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

    Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e...

    Venerdì, 01 Febbraio 2019 08:09
  • Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari  finalizzati a conformarsi alle normative e a garantire condizioni di lavoro adeguate

    Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari ...

    Sabato, 26 Gennaio 2019 10:27
  • Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

    Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono...

    Mercoledì, 16 Gennaio 2019 21:18
  • Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

    Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di...

    Martedì, 18 Dicembre 2018 21:01

La lince in Trentino: ecco alcune spettacolari immagini catturate in un video

Ancora una brillante operazione tecnica condotta a termine dai Forestali. E' scattato poco prima che fosse giorno il segnale di allarme applicato ad una delle due casse per la cattura della lince posizionate nelle scorse settimane dagli uomini del Servizio Foreste e fauna nelle montagne del gruppo di Brenta. L'immediato controllo del sito ha consentito di accertare la presenza della lince all'interno della cassa. L'animale, identificato subito quale l'esemplare noto con la sigla "B132" perché dotato di radiocollare posizionato due anni fa sempre dal personale della Provincia, è apparso in ottima forma e piuttosto tranquillo. Supportati dal veterinario dell'Azienda provinciale per i Servizi Sanitari i forestali hanno addormentato la lince procedendo poi alla sostituzione del radiocollare (scarico ormai da diversi mesi) con un nuovo apparecchio sempre dotato di tecnologia GPS-GSM oltre che della tradizionale trasmissione del segnale via radio; sono stati poi prelevati campioni di sangue e di pelo per disporre di materiale biologico utile al monitoraggio genetico.

lince in Trentino 1

Il giovane maschio di quasi sei anni di età è stato quindi pesato (26,5 kg, un valore assai considerevole per questa specie) e controllato per verificarne le condizioni di salute, che sono apparse ottime. Tutte le operazioni hanno richiesto non più di 40' al termine dei quali all'animale, che è stato lasciato in posizione supina all'esterno della cassa, è stato iniettato il farmaco antagonista che ne ha determinato il risveglio nel giro di pochi minuti. Ripresasi velocemente la lince si è incamminata nel bosco con passo via via più sicuro.

la zampa della lince catturata in trentino

Come noto si tratta di un esemplare che, per diverse ragioni, costituisce un caso estremamente interessante per la comunità scientifica anche a livello internazionale. Infatti questa lince è nata nella primavera del 2006 nel lontano cantone di San Gallo, in Svizzera, da dove ha compiuto il più lungo spostamento mai documentato per una lince sulle Alpi (oltre 200 km) per stabilirsi, a partire dalla primavera del 2008, in Trentino ed in particolare nel gruppo di Brenta e nell'adiacente gruppo Paganella-Gazza.

In questo territorio ha stabilito il suo home range (spazio vitale) di circa 300kmq ormai da quasi quattro anni, testimoniando la buona qualità dell'ambiente che la ospita nonché il rispetto nei suoi confronti da parte dell'uomo.

Dunque costituisce un elemento di estremo interesse poter monitorare nuovamente con precisione gli spostamenti del felide, l'utilizzo del territorio, la cattura delle prede nonché, forse, l'eventuale presenza di ulteriori esemplari.

L' unica popolazione vitale di lince presente sulle Alpi (dalle quali era scomparsa circa un secolo fa a causa della persecuzione dell'uomo) si trova in Svizzera, dove è stata reintrodotta a partire dagli anni '70 e nella confinante Francia, mentre qualche esemplare raggiunge le Alpi orientali dalla Slovenia. Assieme all'orso ed al lupo sta lentamente ricolonizzando gli areali nei quali era sempre vissuta.