Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer06262019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione provinciale per mettere in sicurezza la strada che...

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

«E' in arrivo una forte nevicata ma non preoccupiamoci per gli animali selvatici! Quando...

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha iniziato il nuovo anno con un appello per incoraggiare una...

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta si è riunito lunedì 17 dicembre 2018,...

  • Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Mercoledì, 06 Febbraio 2019 09:26
  • Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

    Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e...

    Venerdì, 01 Febbraio 2019 08:09
  • Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari  finalizzati a conformarsi alle normative e a garantire condizioni di lavoro adeguate

    Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari ...

    Sabato, 26 Gennaio 2019 10:27
  • Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

    Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono...

    Mercoledì, 16 Gennaio 2019 21:18
  • Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

    Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di...

    Martedì, 18 Dicembre 2018 21:01

Un bellissimo video dell'orso di Angelo Caliari, dal gruppo Convivere con l'orso sulle Alpi

Riprendiamo il bellissimo video e il testo pubblicato dal gruppo facebook Convivere con l'orso sulle Alpi.-

fimato orso angelo Caliari

 

"Fine ottobre 2009: DJ3, orsa dotata di radiocollare e marche auricolari perché eccessivamente confidente e protagonista di varie predazioni su bestiame domestico (successivamente fu necessario rimuoverla dalla popolazione ursina trentina), si sta alimentando da tutto il mese su faggiola insieme ai due cuccioli maschi, M7 ed M8. Ecco un breve filmato che ci ha gentilmente concesso l'amico Angelo Caliari, completo di descrizione dell'incontro.

PS: i suoi figli ci sono ancora: M8 è emigrato in Friuli, al confine con Slovenia e Austria. M7, dopo essere sparito dalla circolazione per due anni, nel 2012 è stato campionato in Lombardia, e nel 2013 è tornato in Trentino.


"È l'ultimo sabato di ottobre di un autunno generoso di faggiola nella splendida VAL ALGONE.
Da inizio mese ogni sabato ho incontrato e filmato l'ORSA con i suoi due cuccioloni, quasi alla stessa ora del mattino. Credo che ormai mi riconosca e mi consideri un "intruso innocuo". Limitando il controllo a occhiate fugaci continua ad alimentarsi di faggiola a terra. I cuccioloni sono meno concentrati sull'alimentazione e uno in particolare appare più agitato al vedermi lì, immobile in mezzo alla strada forestale: lo chiamerò ANSIA. È sempre il primo ad allontanarsi verso il bosco, mentre suo fratello MORO è un tranquillone come sua madre. Oggi li ho localizzati più distanti che negli scorsi avvistamenti e li sto osservando e filmando da quasi mezz'ora.
Una grande pace colma questo tempo trascorso con questi "compagni di bosco"; forse percepiscono le stesse sensazioni, a parte qualcuno particolare: ANSIA.
Nei precedenti incontri, dopo aver filmato e osservato a lungo, li ho sempre lasciati tranquilli alle loro attività allontanandomi per primo, lentamente, in silenzio. Forse oggi li sto osservando da troppo tempo e l'ORSA decide di farmelo notare; invece della solita occhiata punta lo sguardo dritto e annusa l'aria, poi torna a mangiare faggiola, ma quasi subito alza la testa e contemporaneamente muove con passo deciso verso di me.
Da circa cento metri la vedo avanzare da sola nella mia direzione. Continuo a filmare e noto l'espressione del muso un po' corrucciato. Quando è a circa venti metri, anche i cuccioli partono di corsa per raggiungerla. È a questo punto che considero rischioso rimanere, quindi spengo la videocamera e lentamente mi allontano di poco verso il margine del prato.
Solo una ventina di metri, poi mi giro e controllo la situazione; l'ORSA sta fiutando il terreno nel punto esatto dal quale ho filmato prima. Siamo comunque a venti metri, ma l'orsa e i suoi cuccioli hanno ribadito la gerarchia in natura. Felice di stare sul mio gradino filmo l'andatura pacifica e maestosa degli orsi che si allontanano tranquilli."

Angelo Caliari