Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio11232017

Last update09:55:46 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel Parco Naturale Adamello Brenta

Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel Parco Naturale Adamello Brenta

Prosegue l'attività di ricerca scientifica nell'ambito del progetto di monitoraggio...

Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e Ritort i luoghi prescelti

Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e Ritort i luoghi prescelti

Ambiente Trentino in collaborazione con il Parco Naturale Adamello Brenta, Fujifilm, Trentino...

Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

  Complici un autunno meraviglioso che ha tutta l'intenzione di farsi ricordare e un...

Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello Brenta da un Team  guidato da Corrado Ceschinelli

Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello Brenta da un Team guidato da Corrado Ceschinelli

Da un parco che propone un modello sostenibile di Turismo ad un Parco che propone un ambiente...

  • Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel Parco Naturale Adamello Brenta

    Alla ricerca dei siti freddi del Triveneto: nuove installazioni in possibili frost hollow nel...

    Lunedì, 06 Novembre 2017 17:25
  • Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e Ritort i luoghi prescelti

    Trekking fotografico con Simone Sbaraglia nel Parco Naturale Adamello Brenta. Vallesinella e...

    Venerdì, 27 Ottobre 2017 16:16
  • Mobilità sostenibile del Parco Naturale Adamello Brenta, boom di accessi:   17% di veicoli in più nelle valli e + 11% di persone trasportate, rispetto al 2016

    Mobilità sostenibile del Parco Naturale Adamello Brenta, boom di accessi: 17% di veicoli in più...

    Mercoledì, 25 Ottobre 2017 14:45
  • Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

    Record di ingressi in Val di Tovel. Domenica 8 ottobre registrato l'afflusso più alto dal 2004

    Mercoledì, 11 Ottobre 2017 16:01
  • Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello Brenta da un Team  guidato da Corrado Ceschinelli

    Con Beepic, il primo parco (nel mondo) a misura d’uomo. Il progetto presentato all'Adamello...

    Martedì, 10 Ottobre 2017 09:55

Parco Naturale Adamello Brenta: Nessuno entra nel merito delle affermazioni di Bartolomei. La lettera di Aldo Collizzolli

sede parco Naturale Adamello Brenta

«Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito» è quello che accade a seguito delle affermazioni dell'ex direttore del Parco Adamello Brenta, nessuno che entri nel merito delle affermazioni di Bartolomei, ma solo a dire che doveva dare sfogo alle sue frustrazioni.
Non conosco l'ex direttore se non per quello che ha scritto e dichiarato, ma troppi fanno finta di nulla e dimenticano che il primo direttore "comandato al parco" fu un cacciatore, che i due strumenti principali di gestione del Parco (piano faunistico e piano del parco) furono pilotati e condizionati rispettivamente dalle lobby dei cacciatori e degli impiantisti.
Come dimenticare che con un'ignobile gazzarra fu bloccato il comitato di gestione (di cui facevo parte come minoranza) che avrebbe dovuto approvare il piano di gestione. Che dietro quella squadraccia che ci aggredì fisicamente c'erano gli amministratori della Rendena e tra questi anche quello che poi sarebbe divenuto il Presidente del Parco? Che il piano fu approvato solo dopo che fu inserito il collegamento funiviario Pinzolo - Madonna di Campiglio.
Quante volte ho denunciato la gestione a dir poco opaca dei tanti lavori pubblici che il parco gestiva (quando le risorse erano infinite) tacitando gli appetiti di nonesi e solandri? Il parco avrebbe dovuto fare il Parco e non un'agenzia di collocamento dei più svariati clientelismi, quale in effetti si è trasformato.
Ricordo che mentre noi in una sala si inaugurava la nuova sede del Parco in una saletta appartata, l'allora presidente della provincia Dellai firmava un accordo sul collegamento funiviario Pinzolo Madonna di Campiglio spacciato per mobilità alternativa con tanto di risorse pubbliche messe sul piatto (50 milioni).
Ora gli appetiti si sono solamente spostati in altre aree (Serodoli, Val Agola) con l'accordo di programma per la tutela dell'ambiente e la valorizzazione sostenibile in Valagola, Val Brenta e zone Cavradoss, Plaza, Fogaiart (sic.), firmato poche settimane fa, essenzialmente per realizzare la pista di Plaza, su cui nemmeno gli ambientalisti da passeggio hanno detto alcunché.
Come si vede la decomposizione parte da lontano e mi chiedo se quello denunciato da Bartolomei non lo avevano visto i direttori precedenti?
Aldo Collizzolli

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna