Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun06252018

Last update04:57:19 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Radiocollarata un'orsa in val Genova. È la figlia di Daniza e sembra non avere timore dell'uomo

Radiocollarata un'orsa in val Genova. È la figlia di Daniza e sembra non avere timore dell'uomo

La scorsa notte in val Genova è stata catturata con trappola tubo, radiocollarata e rilasciata...

Un'estate da Parco, presentato il programma delle attività del Parco Naturale Adamello Brenta

Un'estate da Parco, presentato il programma delle attività del Parco Naturale Adamello Brenta

Estate nel Parco Naturale Adamello Brenta significa camminate nella natura, aria buona, frescura,...

40 progetti da 4 milioni di euro per la Carta Europea del Turismo sostenibile del Parco Naturale Adamello Brenta

40 progetti da 4 milioni di euro per la Carta Europea del Turismo sostenibile del Parco Naturale Adamello Brenta

  18 firme per 40 progetti da 4 milioni di euro. Questi, in sintesi, i numeri della...

  • Radiocollarata un'orsa in val Genova. È la figlia di Daniza e sembra non avere timore dell'uomo

    Radiocollarata un'orsa in val Genova. È la figlia di Daniza e sembra non avere timore dell'uomo

    Venerdì, 22 Giugno 2018 23:10
  • Un'estate da Parco, presentato il programma delle attività del Parco Naturale Adamello Brenta

    Un'estate da Parco, presentato il programma delle attività del Parco Naturale Adamello Brenta

    Martedì, 12 Giugno 2018 00:30
  • Parco Naturale Adamello Brenta, un'inutile consulenza e superflua fornitura informatica per oltre 60mila euro. Rinviati a giudizio Bartolomei, Corradi e tutta la Giunta

    Parco Naturale Adamello Brenta, un'inutile consulenza e superflua fornitura informatica per oltre...

    Martedì, 22 Maggio 2018 22:14
  • 40 progetti da 4 milioni di euro per la Carta Europea del Turismo sostenibile del Parco Naturale Adamello Brenta

    40 progetti da 4 milioni di euro per la Carta Europea del Turismo sostenibile del Parco Naturale...

    Martedì, 15 Maggio 2018 20:34
  • Il Parco Adamello Brenta rinnova la Carta Europea del Turismo Sostenibile. Domani a Tione verranno presentati i 40 progetti per il Piano d'Azione 2018-2023

    Il Parco Adamello Brenta rinnova la Carta Europea del Turismo Sostenibile. Domani a Tione...

    Domenica, 13 Maggio 2018 07:14

L'impresa sociale Artico s.c.s. presieduta da Mariano Failoni avrà la gestione di Villa Santi

Villa santi 2018 
L'impresa sociale Artico s.c.s. di Trento, presieduta dal giudicarese Mariano Failoni (anche Consiliere di Lavori in corso, di COOPERFIDI S.C., di Federazione Trentina della Cooperazione, Presidente di Impresa solidale), si è aggiudicata la gara per la gestione della Casa Natura "Villa Santi" con sede a Montagne (Comune di Tre Ville) di proprietà del Parco Naturale Adamello Brenta.
Il 14 luglio, data di chiusura del bando, erano pervenute al Parco 3 offerte. Oltre ad Artico s.c.s., avevano elaborato una proposta anche Andrea Bologni di Sella Giudicarie e Nicola Cozzio di Spiazzo.
Unitamente all'offerta economica e ad una certificata esperienza nel settore, il bando richiedeva l'elaborazione di un'offerta tecnica contenente gli indirizzi gestionali e promozionali da seguire per attrarre nuove forme di turismo ecosostenibile, mantenere un legame con il territorio e valorizzare la cultura rurale, coinvolgendo il più possibile il Parco.
Il procedimento si è concluso il 3 agosto con l'apertura in seduta pubblica delle offerte economiche da parte della commissione tecnica, composta da funzionari del Parco. Le offerte tecniche erano state valutate dalla stessa commissione con seduta riservata il 25 luglio.
Dalla somma del punteggio tra valutazione tecnica e valutazione economica, la graduatoria si è così assestata: Artico s.c.s. è risultato vincitore, a seguire Nicola Cozzio e, infine, Andrea Bologni. Partendo da una base di gara pari ad 8.000,00 euro più IVA, Artico avrà la gestione di Villa Santi con un canone annuo di 9.200,00 euro + IVA a partire dal 15 gennaio 2018.
Villa Santi è stata aperta nel 2009 ed è sempre stata gestita dal Parco che ne ha fatto crescere la fama a livello nazionale e l'ha eletta a proprio centro di educazione ambientale. La struttura signorile, restaurata con cura e attrezzata con 30 posti letto, biblioteca, sala riunioni, laboratorio per la lavorazione del latte e del miele, collocata in un contesto naturale interessante, è classificata come "Casa per ferie". In questi anni, ha ospitato vacanze-natura di famiglie e gite scolastiche da tutta Italia, meeting professionali, workshop fotografici, corsi di cucina a kilometri zero e moltissime iniziative di animazione territoriale.
La Casa negli anni ha acquisito le certificazioni LEED GOLD, Cuore Rurale e Qualità Parco, che, come prescritto nel bando, dovranno essere conservati dalla nuova gestione, proprio come il corretto funzionamento della nuova impiantistica installata per attenuare gli impatti ambientali.
Il Presidente del Parco, Joseph Masè, commenta così la scelta di esternalizzare: "Grazie all'impegno di tanti, ed in particolare dell'assessore Matteo Motter e dell'ing. Valentina Cunaccia che hanno elaborato il bando e seguito tutte le fasi dell'operazione, siamo riusciti a trovare una soluzione che ci permette di mantenere un forte legame con la struttura, che continuerà ad essere la meta privilegiata delle nostre attività didattiche e, al contempo, di esternalizzare la gestione diretta, che per un ente pubblico era diventata economicamente insostenibile. Sono molto soddisfatto per avere centrato con questa operazione sia l'obiettivo del contenimento della spesa sia quello dell'incremento dell'autofinanziamento e, ritengo, che si sia dato un esempio concreto di gestione della cosa pubblica secondo la diligenza del buon padre di famiglia".
La Cooperativa Artico s.c.s. ha sede legale a Trento e opera negli ambiti dell'educazione, della tutela ambientale, del turismo sociale e dell'erogazione dei servizi di promozione culturale ed è già titolare della gestione di diverse strutture simili in Trentino.
Artico ha presentato un progetto tecnico molto interessante in cui si intrecciano una dimensione ambientale con quella sociale e quella culturale, articolate in più filoni: Il territorio come patrimonio, Natura e letteratura, Educazione cooperativa, Ospitalità per gruppi, Attivazione di comunità e Co-abitazione. Nel calendario annuale, la struttura sarà riservata al Parco nelle stagioni primaverili e autunnali per svolgere attività di educazione ambientale con le scuole del Parco, inoltre, le specifiche proposte dovranno essere progettate insieme al Parco.
Dettaglio non indifferente, Artico si è impegnata a creare sinergie con le realtà locali nella realizzazione delle attività, coinvolgendo attivamente i cittadini e mantenendo così il legame già forte di Villa Santi con il territorio.
Pur non essendo previsto dal bando, Artico si è, comunque, resa disponibile ad accogliere gli animali della fattoria didattica di Villa Santi che annovera molte specie di animali, donate anche da altri parchi italiani come le capre bionde dell'Adamello o le pecore Tingola.