Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun06172019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione provinciale per mettere in sicurezza la strada che...

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

«E' in arrivo una forte nevicata ma non preoccupiamoci per gli animali selvatici! Quando...

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha iniziato il nuovo anno con un appello per incoraggiare una...

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta si è riunito lunedì 17 dicembre 2018,...

  • Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Mercoledì, 06 Febbraio 2019 09:26
  • Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

    Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e...

    Venerdì, 01 Febbraio 2019 08:09
  • Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari  finalizzati a conformarsi alle normative e a garantire condizioni di lavoro adeguate

    Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari ...

    Sabato, 26 Gennaio 2019 10:27
  • Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

    Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono...

    Mercoledì, 16 Gennaio 2019 21:18
  • Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

    Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di...

    Martedì, 18 Dicembre 2018 21:01

1000 doni per l'8° Conferenza mondiale dei Geoparchi UNESCO, saranno realizzati dai ragazzi di Anffas e di Laboratorio Sociale di Tione

La stella alpina che verrà omaggiata ai 1000 congressisti 1 

Si avvicina la data della 8° Conferenza mondiale dei Geoparchi UNESCO che sarà ospitata dal Parco Naturale Adamello Brenta Geopark dall'8 al 14 settembre a Madonna di Campiglio. La macchina organizzativa è sempre più lanciata e, per cogliere l'occasione di questo evento per mostrare al mondo le ricchezze del territorio, il Parco sta siglando collaborazioni con numerose associazioni locali.
Ieri mattina il Presidente del Parco, Joseph Masè, e l'Assessore con competenza in fauna selvatica, Floro Bressi, affiancati dalla geologa Vajolet Masè, hanno incontrato i ragazzi di Anffas e Laboratorio Sociale di Tione, presso la sala conferenze della Comunità di Valle delle Giudicarie, per richiedere il loro aiuto in maniera ufficiale con una piccola dimostrazione interattiva sulla geologia del nostro Geoparco.

I ragazzi di Anffas e Laboratorio Sociale sono già stati incaricati della realizzazione dei gadget e dei premi, da omaggiare come ricordo ai partecipanti alla Conferenza. Alla manifestazione, infatti, sono attesi circa mille congressisti tra tecnici, geologi, rappresentanti delle aree protette e delegati dai geoparchi mondiali, soprattutto europei, asiatici, latino-americani, canadesi e africani. Ad ognuno di loro, sarà donata una stella alpina realizzata con legno e feltro nei laboratori di Anffas a Tione. Il lavoro di questi artisti e artigiani d'eccezione raggiungerà quindi ogni parte del mondo, portando in quei luoghi i simboli della nostra natura e anche un po' di manifattura tradizionale del Trentino.

In apertura dell'incontro di ieri, il Presidente Masè ha espresso grande riconoscenza ai ragazzi : "Il vostro contributo è prezioso per il Parco e arricchisce questo evento mondiale di un elevato spessore sociale.". Parole condivise e riprese dall'Assessore Bressi, che di Anffas è anche rappresentante e si sta impegnando affinché la collaborazione con il Parco prosegua oltre l'evento. Dopodiché, in maniera semplice e stimolante, sono state illustrate ai circa 40 ragazzi, accompagnati dai loro familiari, dalla responsabile della struttura Manuela Molinari e dagli operatori che quotidianamente li seguono, le unicità geologiche dell'Adamello Brenta, il significato del vivere in un Geoparco Mondiale UNESCO e l'importanza di aver vinto la candidatura per l'organizzazione della Conferenza. Con tanta curiosità hanno maneggiato rocce e minerali e hanno assistito alla proiezione di alcuni video emozionali sulla natura, realizzati appositamente per la promozione della Conferenza.

Una delle attività a cui si sta dedicando con convinzione il Parco, nell'ambito dell'organizzazione di questo evento, è proprio lo sviluppo di una consapevolezza nei residenti del valore del patrimonio geologico, culturale e tradizionale del territorio in cui vivono.
Il mondo guarda con attenzione alle nostre Dolomiti e ai nostri ghiacciai adamellini ma, in realtà, non tutti i residenti sono consci del fatto che l'Adamello Brenta è un'area incomparabile nel suo genere. In poco più di 620 km quadrati si possono osservare tutti i tipi di rocce del mondo, conservati in due gruppi montuosi molto vicini ma molto diversi: il severo ambiente delle rocce cristalline dell'Adamello Presanella, modellato dai ghiacciai, e il maestoso paesaggio carsico delle Dolomiti di Brenta. Questa elevata geodiversità si traduce anche in una ricchissima biodiversità composta da oltre 1.300 specie di piante e dalla presenza di tutta la fauna più rappresentativa delle Alpi, tra cui, l'orso bruno.
Quello di ieri è quindi solo il primo di una serie di appuntamenti che il Parco ha intenzione di concretizzare con la comunità locale, al fine di accrescere la consapevolezza nella popolazione della straordinarietà dell'ambiente in cui ha la fortuna di vivere.