Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun10222018

Last update10:29:38 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La piazza dei Giudicariesi

Scampàr... Pensando e ricordando Marco Boni e Giorgia Dietre. Pensieri di Mario Antolini Muson

giorgia3-horz

Tè ghéve sól sédes àgn
e té sè crodà giù 'ntà 'l làc'
e tè né sè scampà
portà via 'ntà i bràč
dé Vargùgn dé sóra
che 'l t'à volést có' Èl...

Tè ghéve sól dresèt àgn
e tè sé restàda schiciàda
'ntà na màchina che tè portéva a spàs
e tè né sè scampàda via
ciapàda su 'ntà i só bràč
da Vargùgn ce 'l tè voléva có' Èl.

Séref pù che gióen e la vita
la vé paréva dinànč e tùta da vìver
ma quèl Vargùgn, 'nvéze,
la pensà che l'èra già lónga asè
e 'l và ciapàdi su 'n bràč
come sé tór sù i fiór 'ntà 'l prà.

Fiór bèi mèsi lì trà i fil d'èrba
fiór da nó lasàr pasìr
ma da mèter 'ntà 'n bèl vàso
da postàr sa 'l comò
'ntà la càmera da vardàr
e da tegnérse apè...

Né sè scampàdi de prèsa
sénza savérlo e sénza volérlo
e avé lasà dré sól dolór e làgrime
e 'l bó' saór dé la vòsa vita
apéna 'nviàda vìa e già finìda
sa i sentér dé i nòs mónč.

Adès nó né rèsta che piànger
perché voléven che restésef có' noàltre;
ma saròm bóni dé recordàrve
e dé portàrve 'ntà 'l cór come ancó?

Despès le làgrime le fa prèst
a saltàr fò dal cór e a crodàr giù da i òč
ma ànca e le fa 'n prèsa a sugàrse sù
e a lasàrle pasàr parchè le fa màsa màl
e le lasóm sugàrse su
per mèterle 'ntà la memòria a masnàr...

ma... 'l savér e podér masnràr él dolor...
nó 'l fà mài mal!

 

 

Scappare. - Avevi soltanto sedici anni / e sei precipitato nel lago / e ci sei scappato / portato via nelle braccia / di Qualcuno di sopra / che ti ha voluto con Lui... / Avevi soltanto diciassette anni / e sei rimasta schiacciata / in una automobile che ti portava a spasso / e ci sei scappata via / presa fra le sue braccia / da Qualcuno che ti voleva con Lui. / Eravate giovani e la vita / l'avevate davanti e tutta da vivere / ma quel Qualcuno, invece, / ha creduto che era già lunga abbastanza / e vi ha presi in braccio / come si raccolgono i fiori nel prato. / Fiori belli posti lì tra i fili d'erba / fiori da non lasciare appassire / ma da porre in un bel vaso / da mettere sul cassettone / in camera e da guardare / a tenersi accanto... / Ci siete scappati di fretta / senza saperlo e senza volerlo / lasciandovi dietro soltanto dolore e lacrime / e la dolcezza della vostra vita / appena iniziata e già finita / sui sentieri dei nostri monti. / Adesso non ci resta che piangere / perché volevamo che restaste fra noi; / ma saremo capaci di ricordarvi / e di portarvi nei nostri cuori come oggi? / Spesso le lacrime fanno in fretta / ad uscire dal cuore ed a cadere dagli occhi / ma anche in fretta ad asciugarsi / ed a lasciarle passare perché fanno troppo male / e le lasciamo andar via / per porle nella memoria a maciullare... / ma... saper e poter macinare il dolore / non fa mai male...

 

Foto

Le ultime notizie 2

La BaKeKa