Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer11222017

Last update05:54:48 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Iuri Filosi, ecco la maglia Azzurra. Un altro importante traguardo per il corridore di Praso

14563390 1529021617123371 3180540883286380416 n 

Altro traguardo raggiunto per Iuri Filosi. Questa volta però non si tratta di un gran premio di montagna o di una tradizionale tappa ma di un sogno che qualsiasi sportivo, in qualsiasi disciplina gareggi, aspira a realizzare: la maglia azzurra della nazionale italiana.
Per Iuri Filosi, che ha recentemente conquistato la prima vittoria tra i professionisti nel Gran Premio di Lugano, è arrivata infatti la convocazione dal commissario tecnico Davide Cassani per l'ormai imminente Giro d'Austria.
Il Giro d'Austria, giunto alla sessantanovesima edizione, si terrà da domenica 02 luglio a sabato 08 luglio con partenza da Graz e arrivo a Wels. Come già svelato alla stampa nei giorni scorsi dallo stesso commissario tecnico, nella breve corsa a tappe la squadra sarà interamente formata da corridori professionisti, formando così una selezione molto competitiva.
Il capitano della spedizione sarà Elia Viviani (Team Sky), già designato dal ct Cassani come capitano per il prossimo europeo. Al suo fianco ci sarà Manuel Belletti (Wilier – Selle Italia) che, oltre ad essere l'ultimo uomo per il campione olimpico italiano, potrebbe recitare un ruolo da protagonista in qualche frazione. Per le tappe in salita il commissario tecnico punterà su Giulio Ciccone (Bardiani Csf), Simone Velasco (Bardiani Csf) e sul talento di Praso Iuri Filosi della Nippo-Vini Fantini.
La squadra come detto sarà diretta dal Commissario Tecnico Davide Cassani, che si avvarrà della collaborazione dei CT Marino Amadori e Marco Villa, con la collaborazione tecnica di Marco Velo.
Continua a grandi falcate quindi l'avventura tra i professionisti per Iuri Filosi che, dopo le prime stagioni di dovuto ambientamento, si sta inserendo tra i grandi del ciclismo nazionale ed internazionale. Un grande risultato personale ma anche un grande motivo d'orgoglio per il piccolo paese di Praso e per l'intera Valle del Chiese.