Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer01172018

Last update10:59:49 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Calcio in Giudicarie: Tione avanti tutta, torna alla vittoria la Condinese, Comano Terme Fiavè ko. Il Punto di Francesco Brunelli

Lo spogliatoio della Condinese dopo la vittoria con l'Albiano

Ultimo weekend ottobrino globalmente positivo per le squadre giuidicariesi impegnate nei vari campionati calcistici; il ritorno all'ora solare ha portato evidentemente beneficio a quasi tutte le compagini, lanciate nel rush finale dei gironi di andata. Qualche squadra locale ha ancora l'ambizione e la concreta possibilità di conquistare il platonico titolo di campione di inverno, quindi prima che cali il gelo è necessario mettere in cascina più punti possibile.
Questo discorso vale nei campionati di livello inferiore, visto che in Eccellenza non è stata una giornata positiva né per Calciochiese né, a maggior ragione, per il Comano Terme Fiavè. L'undici di Storo ha raccolto un punto sul terreno amico contro una coriacea Benacense, ma si mangia le mani per aver fallito diverse nitide palle-gol. Altro tema di rammarico è l'aver disputato un'ora abbondante di gioco in superiorità numerica per l'espulsione del rivano Carpi; mister Berardi, a fine gara, era giustamente rabbuiato. 1-1 il punteggio maturato al Grilli, con le reti di Pederzini per gli ospiti e dell'evergreen capitan Zaninelli per i locali. Si acuisce la crisi in casa Comano Fiavè: a Lavis arriva la sesta sconfitta stagionale (quinta di fila), che fa precipitare i gialloneri al quintultimo posto, con solo tre punti di scarto dal fanalino di coda Bozner. Partita tirata, al Mario Lona, con un Lavis trascinato dai lampi dell'ex Nicola Donati, autore del primo gol su rigore, come dagli undici metri è arrivato il raddoppio di Loyola, anticipato dal momentaneo pareggio di Serafini. Raffaelli e Condini hanno poi chiuso la contesa nel finale. Non completamente insufficiente la prova dei termali, che recriminano per i rigori e per i due pali di Poletti: servirà comunque molto altro per portare a casa la salvezza, a partire dal recupero di mercoledì contro la Benacense.

Scendendo in Promozione, va segnalato il ritorno al successo della Condinese, che non allontana comunque le zone calde: servirà continuità ai canarini per disputare un campionato tranquillo. Marco Usardi, Mastrorilli e Belli i match winners nella contesa con il Porfido Albiano, inchiodato a 6 punti. La squadra del presidente Galante rimane incollata al Pergine Calcio a quota 9; ha avuto momentaneamente successo lo scossone che ha interessato la panchina gialloblu, che ha visto l'esonero di mister Claudio Ischia con l'incarico di guida tecnica affidata ad interim a Luca Zendri.

In Prima Categoria, nel Girone A, cala il settebello il Tione: nuova vittoria e primato in classifica consolidato senza sconfitte, con il miglior attacco del torneo (20 gol fatti) e la miglior difesa (8 reti subite, ex aequo con la Caffarese). Come nel derby con il Bleggio, il successo giunge a recupero inoltrato: al 97' è Battocchi a trovare il 2-1 contro l'Azzurra, che solo 120 secondi prima aveva pareggiato con Ortolani l'1-0 del solito Nicolussi. La Caffarese segue a ruota i tionesi, installandosi da sola al secondo posto con 19 punti, a meno tre dall'undici di Ballini: 2-0 al Cristo Re firmato Luzzani-Nicolini. Tre giudicariesi nei primi tre posti: sul gradino più basso del podio c'è il Calcio Bleggio, che con un acuto di Chahizzamane vince il derby contro la Virtus Giudicariese. I bleggiani, dopo la passata stagione, non hanno cambiato molto dal punto di vista dei giocatori, ma hanno acquisito una mentalità vincente, che permette loro di stare, con merito, a braccetto con due squadre blasonate quali Cristo Re e Ravinense. Proprio la Ravinense ieri ha avuto ragione della Settaurense, tornata in zona pericolante: nel sobborgo finisce 3-1 (Zontini per gli storesi, Mazzola, Coslop e Iovine per i locali). Primo acuto stagionale del Pieve di Bono, che supera 3-2 il Calisio e esce dalla secche in cui era impantanato: per i viola a segno Tarolli, Filosi e Rosa, Mazza e Faggiano in gol per l'undici di Martignano. Masè-Maturi-Foccoli ed il Pinzolo Valrendena ha ragione del fanalino di coda Mattarello (che accorcia con Decarli, poi espulso): la squadra di Bonazza si innesta a metà classifica. Colpo infine dell'Invicta Duomo, che supera 2-1 la Trilacum.

Continua il magic moment del Castlecimego, che comanda il Girone A di Seconda Categoria, con una lunghezza di vantaggio sul Molveno. La squadra chiesana si sbarazza per 4-0 del Bagolino (doppio Belli, Romano e Cimarolli) e raggiunge quota 20 punti, frutto di sei vittorie e due pareggi: ancora a zero la casella delle sconfitte. Il Molveno supera 3-0 il Lizzana e rimane ad un punto di distanza. Al terzo posto sale la sorprendente Limonese (perentorio 5-2 al Vallagarina). Passo falso per il Trambileno, che cede 2-1 ad un coriaceo Carisolo (Mariotti e Salvadori ribaltano l'iniziale vantaggio firmato Hallidri): i rendeneri volano a 8 punti dopo un avvio difficile e sognano di spiccare il volo. Quinto posto, a chiudere la zona playoff, per il Guaita, che supera 4-0 l'Avio, sopravanzandolo in classifica. Alberto Molinari-Giovanella-Salvadori e l'Alta Giudicarie supera 3-0 il fanalino di coda Tre P Valrendena. Ha riposato il Brenta.