Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio12132018

Last update02:11:00 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

U.S. Tione, la grande cavalcata termina ad un passo dal paradiso

18581727 1413518815380255 5726534909976705045 n - Copia"Ad un passo dal paradiso. Ad un passo dalla gloria. Ad un passo dalla prima volta. Ad un passo dalla Promozione. È mancato davvero poco, undici metri."
È finita nella maniera più atroce (sportivamente parlando) la favolosa avventura dell'Us Tione guidato da Marco Ballini che, nel caldo pomeriggio di domenica, ha giocato lo spareggio valido per staccare l'ultimo pass di entrata nel massimo torneo provinciale di Promozione. Una serie infinita di calci di rigore infatti, calciati al termine dei tempi regolamentari e supplementari terminati sul punteggio di zero a zero, ha fatto gioire il quotato Sacco San Giorgio che raggiunge così i cugini del Rovereto vincitori del girone B di prima categoria.
Il palcoscenico è di quelli importanti. Centro Sportivo Oltra di Dro, manto erboso in perfette condizioni e cornice di pubblico da grandi appuntamenti. Ed è proprio per questo grande appuntamento che moltissimi tionesi, oltre trecento, hanno affollato con le maglie rossoblù gli spalti della "Conad Arena". Capitan Defranceschi e compagni, dopo un superlativo cammino nella "regular season", erano ad un passo dalla prima promozione nel massimo torneo regionale ma purtroppo la beffarda lotteria dei rigori ha premiato gli avversari roveretani.
La partita comincia con le due compagini che si studiano. I ragazzi di misteri Floriani si fanno preferire per la mole di gioco espressa ma il Tione, grazie ad una coriacea ed attenta fase difensiva, limita i pericoli dalle parte di Bonazza. Alla metà della prima frazione è l'estroso capitano del Sacco San Giorgio Colpo a far tremare i tifosi rossoblù con una perfetta punizione dal limite dell'area la cui traiettoria si infrange sulla traversa per poi finire sulla linea di porta. I ragazzi di Mister Ballini provano a ripartire grazie alla velocità di Issam e Sauda senza però creare particolari problemi all'estremo difensore ospite Deromedi. Nella ripresa i veri padroni del campo sono il caldo e la paura di perdere. Le due squadre infatti calano con il passare dei minuti e la paura di subire il goal prende il sopravvento. Le principali occasioni nascono così dai corner. La fase di studio si prolunga anche ai supplementari con il solo tentativo dell'esperto bomber roveretano Giorgio Garniga che con una spizzata di testa manca di poco l'angolino basso della porta difesa da Bonazza. Terminati i tempi supplementari tocca alla lotteria dei calci rigore decretare l'ultima squadra che andrà a comporre il puzzle del prossimo campionato di Promozione. Dal dischetto sbagliano Colpo e Tamanini per il Sacco San Giorgio e Fiori per il Tione. Il primo match point, seguito con un silenzio tombale dai tifosi presenti, è per il capitano tionese Defranceschi che però si fa ipnotizzare dal portiere Deromedi. Dopo i cinque rigori canonici si va quindi a oltranza sino a quando l'esperto difensore Cerana, pur calciando un ottimo rigore, trova le mani del difensore ospite.
Esplodono così la gioia del Sacco San Giorgio e le lacrime per giocatori, dirigenti e diversi tifosi del Tione che, a pochi metri dal traguardo, vedono sfumare un obiettivo che, seppur all'inizio della stagione insperato, meritava per quanto espresso nel corso dell'anno.
Una sconfitta amara maturata dopo una gara sofferta ed attenta decisa purtroppo dalla lotteria. Per i ragazzi di Mister Marco Ballini restano solo gli emozionanti applausi della propria tifoseria con l'auspicio e la speranza, così come fanno i grandi sportivi, di ripartire anche da queste dolorose sconfitte.
"Dopo una vittoria si sale in cielo, dopo una sconfitta si scende all'inferno. Ma dall'inferno si potrà di nuovo salire in cielo." Vietato mollare e, da parte di tutti gli addetti ai lavori di Giudicarie.com, complimenti all'U.s. Tione per le emozioni che ha fatto vivere a centinaia di persone: sportivi, mamme, papà, fratelli e fidanzate. Il bello dello sport.