Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun10212019

Last update08:01:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

La legge non è uguale per tutti: Il Senato della Repubblica oggi ha agito non secondo, ma contro la legge. Lo sostiene il costituzionalista Antonio d'Andrea prof. all'Università degli Studi di Brescia

foto da  corriere.it 

"Il Senato della Repubblica oggi ha agito non secondo, ma contro la legge". A Parlare il costituzionalista, professore all'Università degli Studi di Brescia, Antonio d'Andrea.
Salvato Augusto Minzolini dalla decadenza, gli onorevoli di Palazzo Madama hanno di fatto votato anche per la non applicazione della legge Severino, che pure hanno voluto e approvato.
Il senatore di Forza Italia Augusto Minzolini era stato condannato nel 2015 in via definitiva a due anni e mezzo dalla Corte di Cassazione per peculato continuato per aver utilizzato impropriamente le carte di credito della Rai con le quali Minzolini, nel periodo in cui è stato direttore del Tg1 avrebbe totalizzato spese per circa 65mila euro.
Oggi con 137 voti a favore, 94 contrari e 20 astenuti l'Aula ha annullato il parere della Giunta di sette mesi fa sulla revoca del mandato ai sensi della Severino. Decisivi 19 voti del PD a favore e le 24 assenze registrate sempre nelle fila del Pd.
Ma aldilà della vicenda giudiziaria di Minzolini la cosa drammatica sembra essere il non rispetto della legge da parte del Senato.
Il senato avrebbe potuto cambiare la legge Severino, ma sembra davvero inquietante che abbia potuto votare contro una legge in vigore.
Sembra un comportamento più adatto a chi frequenta il teatro dell'assurdo  o a chi ha sposato l'anarchia totale più che a chi opera in un ramo del Parlamento.

In questo contesto sgangherato è chiaro che il Movimento 5 stelle tragga consensi tra le molte persone allibite di fronte ad una decisione tanto assurda quanto senza alcuna logica.
Così Di Maio può andare all'attacco: "Atto eversivo nei confronti delle istituzioni, non vi lamentate se i cittadini poi protestano in maniera violenta". E come dargli torto. Difficile comprendere quanto accaduto.
Forse ci potrebbe spiegare qualcosa il "nostro" senatore PD Giorgio Tonini che ha votato contro la legge... e a favore del salvataggio di Minzolini..  ma in coscienza.