Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar12182018

Last update11:11:14 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Bondo, successo per Note per la pace

Commemorazione Bondo
A Bondo si è chiusa con un grande successo la tre giorni dedicata alla commemorazione dei 100 anni dalla Grande Guerra: 1918 – 2018 Note per la pace a Sella Giudicarie, a cent'anni dal termine del primo conflitto mondiale. Tre giorni che hanno visto la presenza della Croce Nera Austriaca e di una delegazione ufficiale del Land Voralberg. L'evento è legato alla presenza storica del Cimitero Monumentale di Bondo che raccoglie le spoglie di centinaia di soldati dell'Esercito Austro-Ungarico. Un luogo simbolico visitato di recente da Reinhold Messner, che ne è rimasto affascinato come il Presidente della Provincia Ugo Rossi, presente domenica alla manifestazione con il Sindaco Franco Bazzoli e Massimo Valenti.

La giornata conclusiva è stata caratterizzata dalla S. Messa commemorativa a cui è seguita la sfilata per le vie del paese e il momento solenne con la benedizione delle corone e della targa con deposizione delle stesse al Monumento ai Caduti. Quindi la tumulazione di due urne contenenti i resti dei due caduti austro-ungarici ignoti, rinvenuti da un escursionista il 14 settembre 2016 in località Crozon di Lares nel comune di Spiazzo Rendena. Queste commemorazioni - ha detto Rossi affiancato dal sindaco Bazzoli – contribuiscono con il loro valore profondo di memoria, tutela delle radici, consolidamento di rapporti fra popoli a rafforzare la nostra Autonomia e quel progetto che oggi più che mai sembra essere in pericolo, della costruzione di un'Europa unita".

L'appuntamento ha chiuso la serie di rievocazioni e riflessioni storiche che hanno visto, tra gli altri, i due appuntamenti di luglio a Borgo Chiese e di agosto a Forte Larino. Quest'ultimo inserito nel Festival Altro Tempo con le presenze di Reinhold Messner e dell'Inviato di Guerra Lorenzo Cremonesi, del Corriere della Sera.

Ad animare Note per la pace a Sella Giudicarie, a cent'anni dal termine del primo conflitto mondiale, sono state ben cinque bande: Banda Sociale di Roncone, Boemische Judicarien, Buergermusik di Bezau, Corpo Bandistico sociale di Vobarno (Brescia) e Suemeg Varos Fuvoszenekara (Ungheria)

Nel suo intervento il presidente Rossi ha parlato del valore di "umanità" e "pietà cristiana" per il sacrificio di tutti i caduti ed ha ricordato l'importante appuntamento del 14 ottobre, data nella quale è stata istituita la prima la Giornata per ricordare le vittime e i caduti trentini della Grande Guerra. "Il sentimento con cui si pensa a momenti come questo - ha detto - è un sentimento di risarcimento per il sacrificio di questi esseri umani nell'ottica di rimediare a un torto del passato e di costruire una cultura di pace".

I ringraziamenti del presidente Rossi e del Sindaco Bazzoli sono stati quindi dedicati a tutti coloro che si sono spesi per un momento così significativo, tra i quali la Croce Nera austriaca, fondata nel 1919 con lo scopo di mantenere viva la memoria dei militari caduti nei conflitti mondiali e che ha stretto un legame particolare con il comune di Sella Giudicarie, ma anche a tutte le associazioni del territorio coinvolte, associazioni di volontariato che sono un pilastro imprescindibile della vita e dello sviluppo del nostro territorio. La Provincia, inoltre, con la sua Soprintendenza per i Beni Culturali, ha contribuito al recente ripristino del cimitero austrungarico di Bondo, nello specifico, nel supporto della ristrutturazione di alcuni elementi architettonici